Bilancio Atletico Madrid 2016
Antoine Griezmann (Insidefoto)

Una vita passata a fare la parte dei cugini poveri di Madrid, poi il giorno di Barcellona-Atletico arriva un endorsement che nemmeno i più fedeli colchoneros avrebbero mai sognato di incassare: “El otro clasico” ha titolato Marca per presentare il match che metterà di fronte le inseguitrici del Real – diretta su Fox Sports alle 22. I novanta minuti del Camp Nou saranno utili anche per apprezzare i frutti di un lavoro societario complesso che ha portato l’Atletico ad aumentare i ricavi operativi del 62% in cinque stagioni e a contenere i costi; senza rinunciare a successi sportivi: una Liga, una Coppa del Re e due finali di Champions League disputate, tra le altre cose.

#LaPortada ‘El otro Clásico’ ⚽ ¡Buenos días! ☕ https://t.co/HtoT4YEyqv #FelizMiercoles pic.twitter.com/890WawyV58

Come dimostra un’analisi di KPMG, l’Atletico ha avuto la capacità di far schizzare le proprie revenue al ritmo del 13% annuo, per cinque esercizi consecutivi. A questo ritmo, il club potrebbe arrivare a toccare la soglia dei 200 milioni di euro di fatturato operativo nel 2016 e puntare a superarsi anche dal punto di vista sportivo nell’annata in corso. Secondo KPMG la buona gestione del club si fonda su tre pilastri: prolungamento dei contratti dei giocatori più importanti; sviluppo di un vivaio di qualità; acquisto di talenti come Antoine Griezmann che possono alimentare i sogni dei tifosi biancorossi.

Ricavi operativi dell'Atletico Madrid in cinque stagioni - Fonte KPMG
Ricavi operativi dell’Atletico Madrid in cinque stagioni – Fonte KPMG

Ma come ha fatto l’Atletico ad aumentare gli incassi? I diritti televisivi hanno un peso molto importante nei conti del club e incidono per il 50% del totale, tra la partecipazione alla UCL e la commercializzazione dei diritti della Liga. Nella stagione 2015-2016, grazie alla finale Champions di Milano e alla nuova distribuzione dei diritti televisivi del massimo campionato spagnolo, il club è destinato a raggiungere il nuovo record per quanto riguarda la voce broadcasting, sostiene KPMG, e questo dovrebbe traghettare il club dritto-dritto verso i 200mln complessivi.

In attesa dei dati ufficiali, la società di consulenza rileva come i biancorossi di Madrid in questi anni abbiano saputo capitalizzare al massimo il commerciale, voce cresciuta a un tasso del 16% annuo, grazie agli accordi con Coca-Cola, La Caixa, Huawei e Nike; ma soprattutto grazie al deal chiuso con il main sponsor che garantirà 42,5 milioni di euro nelle prossime quattro stagioni. Un aumento meno significativo si è registrato per il matchday che in tutto il periodo di riferimento è andato su del solo 15% a causa dalla limitata grandezza del Calderon (55mila posti). L’Atletico ci ha messo una pezza e dalla prossima stagione si trasferirà in un nuovo impianto da 68mila posti.

Insieme ai ricavi sono aumentati i costi, cresciuti del 9%, ma che, in proporzione al fatturato, restano sempre al di sotto dei limiti UEFA (70%): il ratio è sceso dal 68% del 2012 al 60% del 2015. KPMG sottolinea come nella stagione 2013-2014 il monte stipendi sia aumentato del 77% rispetto alla stagione precedente, ma è uno degli effetti collaterali dei successi sportivi: l’Atletico ha raggiunto la finale di Champions contro il Real e ha dovuto staccare copiosi premi.

Costi dell'Altetico Madrid in proporzione al fatturato operativo
Costi dell’Altetico Madrid in proporzione al fatturato operativo – Fonte KPMG

Oltre alla gestione contabile, l’Atletico Madrid è stata all’avanguardia per aver saputo attirare, ben prima di altri, soci cinesi nel suo azionariato, con Wanda Group che ha acquistato il 20% del club per 45 milioni di euro. Oggi è una delle prime squadre a detenere una partecipazione diretta in un altro club: a maggio ha comprato il 35% del Lens e questo, secondo KPMG, non potrebbe far altro che aiutare le casse del club, visto che la società francese storicamente sforna campioncini che potrebbero raggiungere Madrid a buon mercato. Per ora, sebbene i ricavi di Barcellona e Real Madrid siano di altro valore, l’Atletico può contare sull’utile di 13 milioni registrato al 30 giugno 2015 che dovrebbe crescere nella stagione appena conclusa. Del resto, prevede KPMG, il futuro non può che essere “brillante”. 

2 COMMENTI