chi sono i soci di interspac
Carlo Cottarelli (Foto Samantha Zucchi Insidefoto)

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha convocato al Quirinale per oggi alle 12 l’ex presidente della Banca centrale europea Mario Draghi, a cui proporrà di provare a formare un governo tecnico dopo che la vecchia maggioranza non ha trovato un accordo per sostenerne uno politico.

Da Draghi il capo dello Stato attende una squadra all’altezza di un compito complicato: guidare il Paese in una fase delicatissima e cancellare, con una lista di ministri autorevoli, l’immagine lasciata dalla politica negli ultimi giorni.

Ma allo stesso tempo – spiega La Repubblica – Draghi dovrà proporre comunque figure in grado, se non di accontentare i partiti, almeno di rappresentare sensibilità diffuse, di destra e di sinistra. In questo senso non si esclude che il premier incaricato possa coinvolgere nella sua squadra i leader delle principali forze politiche.

Resta il fatto che la lista dei “tecnici” in corsa per un incarico di governo è lunga. In particolare, per la casella dell’Economia sarebbe spuntato il nome di Carlo Cottarelli, cui già Mattarella affidò l’incarico di formare un governo nel 2018, prima che salpasse la nave gialloverde con al timone il debuttante Giuseppe Conte.

Cottarelli è legato anche al mondo del pallone, non solo in quanto tifoso dell’Inter. L’economista, infatti, è presidente di Interspac, società creata da alcuni volti noti della finanza milanese per entrare nell’azionariato del club nerazzurro.

La stessa è stata tirata in ballo anche di recente in relazione alla possibilità di una cessione dell’Inter da parte di Suning, e lo stesso Cottarelli – in un’intervista rilasciata a La Repubblica – ha parlato dei rapporti con il club e del tema dell’azionariato popolare.