La cordata vip di tifosi interisti prova a rilanciare il proprio progetto. I soci di Interspac, la holding creata nel luglio 2018 da un gruppo di tifosi dell’Inter capitanati dall’economista Carlo Cottarelli (già commissario per la revisione della spesa pubblica e presidente incaricato prima della formazione del governo Conte) e formata da manager di primo piano della finanza italiana, punta l’ingresso nel club nerazzurro con una quota di minoranza della società.

A Repubblica, Roberto Zaccaria, professore universitario ed ex presidente Rai, nonché uno dei soci di Interspac, spiega: «Il tempo stringe e non abbiamo l’illusione di trovare soldi a sufficienza per rilevare il club. Vogliamo fare la nostra parte, avviando un progetto di fund raising per aiutare l’Inter a continuare a essere grande».

«Coinvolgeremo interisti celebri, da Valentino Rossi all’architetto Stefano Boeri, da Roberto Vecchioni a Paolo Bonolis, fino a Fabio Fognini e Fiorello. Poi apriremo una sottoscrizione ampia fra i tifosi, come succede al Real Madrid o al Bayern Monaco. Ovviamente, saremmo felicissimi se con noi ci fossero Marco Tronchetti Provera e Massimo Moratti», ha concluso Zaccaria.

Mentre Bc Partners continua la sua due diligence sui conti, tra una settimana circa il CdA di Interspac si riunirà per poi presentare un progetto alla società nerazzurra.

Cottarelli, interpellato anche da Calcio e Finanza, replica con un “no comment”. Moratti, invece, non si tira indietro: «Mi sembra un’operazione complicata ma romantica. Sono interista, quindi molto volentieri ascolterò quello che Interspac avrà da dirmi», ha spiegato a Repubblica.

Da Cottarelli a Zaccaria con il sogno Rossi e Moratti: chi sono i soci di Interspac

Sky WiFi a sconto con Sky TV e Sky Q
Clicca qui per maggiori informazioni