L’Associazione Italiana Calciatori ha diramato un comunicato stampa, attraverso il quale ha fatto sapere che i giocatori di Matera e Pro Piacenza hanno indetto uno sciopero e non scenderanno in campo nella giornata di domenica. Una decisione che arriva a seguito dei mancati adempimenti retributivi da parte dei due club.

Parma, Lizhang all’attacco: rivuole il controllo azionario del club

Questa la nota relativa al Matera:

“L’AIC e i calciatori professionisti tesserati per il Matera Calcio S.r.l., attualmente in attesa dello svincolo per morosità da parte del competente Collegio Arbitrale, richiamando tutte le motivazioni già esposte nei comunicati del 20 dicembre, del 24 dicembre e del 28 dicembre scorsi, decorso infruttuosamente ogni termine concesso per gli adempimenti retributivi, con la presente formalmente proclamano lo sciopero per la giornata di domenica 20 gennaio 2019. A oggi, purtroppo, la società non ha ancora corrisposto le retribuzioni dovute ai calciatori sin dallo scorso settembre 2018, confermando l’assenza di certezze sul proseguimento regolare dell’attività sportiva.

A ciò si aggiunga che, in spregio alle regole lavoristiche e ai diritti costituzionalmente garantiti ai propri calciatori, la Società ha sostituito i lavoratori in sciopero con i tesserati del settore giovanile, in assenza di idonee coperture previdenziali e in aperta condotta antisindacale, dimostrando il suo totale disinteresse verso le norme federali e la regolarità del campionato. L’AIC e i calciatori sono costretti, pertanto, a indire lo sciopero affinché l’anomala situazione che i lavoratori, loro malgrado, stanno subendo cessi quanto prima. I calciatori, inoltre, dichiarano la prosecuzione dello stato di agitazione e preannunciano sin d’ora lo sciopero anche per la giornata di mercoledì 23 gennaio 2019, qualora la morosità retributiva non venga immediatamente sanata”.




Questa invece la parte relativa al Pro Piacenza:

"L’AIC e i calciatori professionisti attualmente tesserati per il Pro Piacenza 1919 S.r.l., richiamando tutte le motivazioni già esposte nei comunicati del 18 dicembre, del 21 dicembre e del 28 dicembre scorsi, decorso infruttuosamente ogni termine concesso per gli adempimenti retributivi, con la presente formalmente proclamano lo sciopero per la giornata di domenica 20 gennaio 2019. A oggi, purtroppo, la società non ha ancora corrisposto le retribuzioni dovute ai calciatori sin dallo scorso settembre 2018, confermando l’assenza di certezze sul proseguimento regolare dell’attività sportiva.

Torna la Serie A, come vederla gratis per un mese su DAZN

A ciò si aggiunga che, in spregio alle regole lavoristiche e ai diritti costituzionalmente garantiti ai propri calciatori, la Società sta cercando di sostituire i lavoratori in stato di agitazione con i tesserati del settore giovanile, in assenza di idonee coperture previdenziali e in aperta condotta antisindacale, dimostrando il proprio totale disinteresse verso le norme federali e la regolarità del campionato. L’AIC e i calciatori sono costretti, pertanto, a indire lo sciopero affinché l’anomala situazione che i lavoratori, loro malgrado, stanno subendo cessi quanto prima. I calciatori, inoltre, dichiarano la prosecuzione dello stato di agitazione e preannunciano sin d’ora lo sciopero anche per la giornata di mercoledì 23 gennaio 2019, qualora la morosità retributiva non venga immediatamente sanata".

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here