Parma Calcio 2018-2019 (Foto Andrea Staccioli / Insidefoto)
Parma Calcio 2018-2019 (Foto Andrea Staccioli / Insidefoto)

Lizhang Parma – Non accennano a placarsi le battaglie societarie interne al Parma Calcio. Jiang Lizhang, l’ex presidente della società emiliana, declassato ad azionista di minoranza lo scorso 23 ottobre con la sua società Link, sta infatti proseguendo nella lotta per la riconquista dei vertici del club emiliano.

Parma, il bilancio 2018 in rosso di 22 milioni ma perdite già ripianate

Attraverso un comunicato stampa, Link ha infatti confermato di aver sottoscritto non solo l’aumento di capitale per l’attuale 30% del pacchetto azionario – come comunicato dallo stesso club l’11 gennaio – ma di aver depositato un ulteriore 30% rivendicando la sua posizione di azionista di maggioranza.

Come riporta l’ANSA, Link avrebbe versato nel complesso circa 7 milioni di euro, metà direttamente nelle casse del club e metà in deposito presso il notaio Napolitano & Caricato di Milano. Un vero e proprio guanto di sfida questo, lanciato a Nuovo Inizio S.p.A., la società che rappresenta un gruppo di imprenditori parmigiani.




Il magnate cinese, eletto presidente il 31 maggio 2017 dopo aver acquisito il 60% del capitale azionario dagli imprenditori parmigiani, minaccia ora di passare a vie legali. Lizhang, infatti, lo scorso mese di ottobre era ritornato in minoranza perdendo proprio il 30%.

La motivazione di questa scelta era stata data da Marco Ferrari, uno degli imprenditori parmigiani promotore della società: «Le complicazioni della burocrazia cinese successiva alla nuova normativa sui capitali esteri lo rendono inadatto a ricoprire un ruolo di maggioranza in un business iper regolamentato come il calcio italiano. In questi mesi avevamo sopperito come azionisti di minoranza, oltre il nostro ruolo, ma alla fine abbiamo dovuto prendere atto della situazione ed esercitare i nostri diritti che avevamo previsto sin dall'inizio dell'accordo con lui».

Parma, deliberato un aumento di capitale per 11,7 milioni di euro

Nuovo Inizio si era mosso per gravi inadempienze contrattuali da parte di Lizhang che oggi, attraverso Link, replica che «ricorrerà alle vie legali per difendere i propri interessi e per dimostrare l'illiceità delle azioni intraprese dagli azionisti di Nuovo Inizio. In sua difesa, Link farà quanto possibile affinché il tribunale dichiari nulla la manovra eseguita da Nuovo Inizio, recuperando così il 30% delle quote del club che sono state illegittimamente prese».

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here