napoli bilancio 2017
Il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis (insidefoto.com)

«La Juventus ha 3-400 dipendenti, noi una sessantina, ha il triplo del nostro budget, ma per ora ci stanno dietro. E a questo punto dico pure che sono un bravo imprenditore perché i nostri conti sono migliori dei loro: non abbiamo debiti con banche, con le quali abbiamo un rapporto unico in Europa, e il bilancio è ok».

Il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, in un’intervista a Repubblica, torna a parlare del confronto tra Juventus e Napoli dal punto di vista economico e, anche alla luce delle indiscrezioni circa presunte azioni di disturbo dei bianconeri sul calciomercato azzurro, non risparmia frecciate al club presieduto da Andrea Agnelli.

Stipendi Juventus 2017-2018 e costo della rosa

«La Juventus appartiene alla famiglia più importante d’Italia da oltre 100 anni, e il potere non è mica questione di soldi, ma di rapporti, che possono creare condizionamenti anche in modo silente, a tutti i livelli», sottolinea il presidente del Napoli.

Stipendi Napoli 2017-2018 e costo della rosa

«Ricordo», aggiunge De Laurentiis, «che hanno avuto in regalo 2/3 dello stadio, che ebbero circa 75 milioni per costruirlo, poi gli furono concessi ettari di terreni, va tutto bene per carità. Ma io combatto da 7 anni per riavere finanziamenti che erogai al Comune di Napoli altrimenti non potevamo giocare al San Paolo».

Parlando con Repubblica il numero uno del Napoli ha detto la sua anche sulle presunte  interferenze della dirigenza juventina sul mercato dei partenopei.

Douglas Costa alla Juventus: quanti affari (e plusvalenze) sull’asse Torino-Monaco

«Interferenze? Mah, non lo so… Se l’hanno fatto per Politano allora è stato un favore a noi. Su Younes, che alla fine abbiamo acquistato per luglio, come Ciciretti, a un certo punto c’è stata una triangolazione, lo volevano gli amici degli amici in Germania…il Bayern? L’ha detto lei. Cose di Eca, Uefa, lasciamo stare… Ma non dico nulla. Quando arrivo in Lega devo indossare un habitus sopportandi e supportandi, non posso pensare di sedermi con gente che mi ha pugnalato. E poi i conti si fanno alla fine: prima o poi qualcuno avrà bisogno di qualcun altro, no?».

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here