Il palinsesto è morto. Ne annunciano la tragica scomparsa Skyonline e Infinity con la piccola Timvision e il cugino americano Netflix. Il calcio è rimasto l’ultimo baluardo prima che questo annuncio campeggi sui teleschermi di tutto il mondo. Gli eventi sportivi sono rimasti gli unici a mantenere intatto il fascino della diretta e con questa la valenza del palinsesto.

Dove va, quindi, la tv?

Le recenti rilevazioni hanno rivelato le difficoltà in termini di ascolti sia di MTV (Gruppo Sky) – nonostante i picchi in Europa League – che di Gazzetta TV (solo lo 0,16% di share che però era quadruplicato in occasione della Copa America) in un periodo in cui sembra che la radio (meno invasiva e dalla fruizione meno impegnativa rispetto alla tv) stia scalando posizioni negli indici di gradimento del pubblico di tutte le età.

E non è un caso se Netflix, proprio nei giorni in cui stava per esordire in Italia, si è chiamata fuori dal mercato dei diritti sportivi affermando che si tratta di un qualcosa (essendo legato alla diretta e non alla fruizione on demand) di estranea al proprio core business (diverso l’interesse per approfondimenti e documentari sportivi).

Gli operatori quindi provano ad evolversi: in italia stanno operando Skyonline, Infinity di Mediaset e  Timvision  che  operano  nello  Svod (on demand con sottoscrizione mensile), Chili Tv, iTunes e Wuaki.tv nel Tvod (si paga per ogni visione) con Google Play e Amazon.

Il mercato 2015 secondo stime che girano tra gli operatori vale 53 milioni ma potrebbe quintuplicare entro il 2018 (250 milioni) con un raddoppio previsto già nel 2016. Nelle intenzioni di un italiano su cinque c’è quella di dotarsi nei prossimi mesi di uno strumento esterno come Apple Tv o Chromecast.

Il ConsumerLab di Ericsson (interviste a 22.500 persone rappresentative di 680 miloni di consumatori tra cui 25 milioni di italiani) dice che il 60% degli italiani guarda video on demand in streaming una volta al giorno (nel 2012 era il 45%) per un totale di 6 ore alla settimana con preferenze per serie TV (2,6 ore), show (1 ora) e film (2,4 ore). Ed è prevalente tra i giovani: 8 su 10 ne fruiscono ogni giorno.

La Tv rientra comunque nella “dieta” mediatica del 75% degli intervistati (over 60) e del 65% di coloro che hanno tra 16 e 34 anni. E qui la risposta è unanime: è lo sport, con il calcio in primis, ad attirare un pubblico interessato a rispondere ad un appuntamento fissato ad un orario ed in un giorno determinato. Per tutti gli altri la comodità del quando vuoi e con chi vuoi è ormai irrinunciabile. E il palinsesto si è gravemente ammalato.