Tonali e le puntate da 300mila euro: «Ho fatto fatica a smettere di scommettere»

A differenza di Fagioli, il calciatore del Newcastle non ha però contratto debiti di gioco. Ora sconterà i 10 mesi di squalifica, prima di tornare sul campo.

Tonali quanto ha scommesso
Sandro Tonali (Photo by GABRIEL BOUYS/AFP via Getty Images)

«Ho fatto fatica a smettere di scommettere». Così Sandro Tonali ha parlato del suo vizio, che gli è costato 10 mesi di squalifica, oltre a 8 mesi di prescrizioni alternative e la rinuncia a prendere parte agli Europei del 2024. «Ho scommesso anche sulle mie squadre» ha detto alla procura federale e quella definizione lascia intendere che tra queste ci possa essere anche il Newcastle, la sua nuova casa. Per questo, rispetto a Fagioli, Tonali sconterà 3 mesi in più di squalifica.

Ha poi raccontato la propria storia, che differisce dalla versione di Fagioli sull’inizio: in quel ritiro dell’Under 21 a Tirrenia nell’agosto 2021, probabilmente già giocavano entrambi, non è uno dei due ad aver contagiato l’altro. Resta la natura del problema: quell’ammissione – spiega La Repubblica – sull’incapacità di fermarsi spinge infatti sul tasto della ludopatia.

Eppure Tonali a differenza del collega della Juventus non ha contratto debiti: non è arrivato a chiedere prestiti ai compagni o a ricevere minacce. Ha giocato 250 o 300 mila euro: un’enormità. Ma parliamo di un giocatore che un anno fa rinnovò il contratto col Milan a 2,5 milioni netti a stagione e che è arrivato ad assicurarsene 8 netti all’anno al Newcastle.

Ora Tonali dovrebbe rinunciare a una parte di quei soldi e potrà continuare ad allenarsi, ma la sanzione prevede anche pene accessorie: un percorso di guarigione (ha già iniziato la terapia con lo psichiatra Gabriele Sani) e 8 mesi di incontri educativi in cui metterà la propria esperienza a disposizione di ragazzi delle scuole calcio sempre condivisi con la Federcalcio e con l’autorizzazione del Newcastle.

Minimo 16 appuntamenti, quindi un paio al mese. La squalifica sarà definitiva oggi e entrerà in vigore da domani, quando il Newcastle sarà in campo, a Wolverhampton. Perché lo stop valga anche in Inghilterra la squalifica dovrà essere estesa a livello internazionale da UEFA e FIFA. Una procedura che può richiedere dei mesi, ma la Federcalcio s’è attivata con un lavoro preventivo perché l’estensione sia tempestiva. Se poi non arrivasse in tempo, sarà il Newcastle a decidere se Tonali potrà giocare oppure no.