Caso scommesse, i Pm verificano i profili di frode sportiva

Nel frattempo, è stata eseguita la cosiddetta copia forense dei telefonini prelevati dalla polizia (su indicazione della procura) ai calciatori Zaniolo e Tonali.

Playoff riforma dei campionati
(Foto: TIZIANA FABI/AFP via Getty Images)

Verifiche su eventuali profili di frode sportiva saranno svolte dagli inquirenti della procura di Torino che indagano sulle presunte scommesse illecite dei calciatori. Al momento, secondo quanto appreso dall’ANSA, non ne sarebbero emersi. Il procedimento, quindi, resta aperto per «esercizio abusivo di attività di gioco e scommessa».

Nel frattempo, è stata eseguita la cosiddetta copia forense dei telefonini prelevati dalla polizia (su indicazione della procura) ai calciatori Nicolò Zaniolo e Sandro Tonali. Può cominciare dunque l’analisi del materiale e, in particolare, delle chat che potrebbero contenere eventuali indicazioni chiave sul fronte scommesse.

Nel frattempo, sono in corso anche i contatti tra Procura di Torino e avvocati difensori per organizzare un possibile interrogatorio di Tonali e Zaniolo. Entrambi si trovano in Inghilterra. Il fascicolo – come noto – è aperto per «esercizio abusivo di attività di gioco e scommessa» in quanto, secondo una prima ricostruzione degli investigatori, i calciatori avrebbero effettuato delle puntate su piattaforme non autorizzate.