Dortmund quanto valgono naming rights
(Foto: Dean Mouhtaropoulos/Getty Images)

Nei giorni scorsi il Borussia Dortmund ha annunciato di aver siglato il prolungamento della partnership con Signal Iduna fino al 2031. Il gruppo – che dal 2005 dà il nome al Westfalenstadion – manterrà i naming rights per almeno altri nove anni. Nessun altro partner è stato al fianco del BVB così tanto tempo quanto il fornitore di servizi assicurativi e finanziari di Dortmund e Amburgo.

Signal Iduna sponsorizza il Dortmund dal 1974, quasi mezzo secolo. La società dà il nome al Westfalenstadion dal 2005 e continuerà a farlo in futuro. In qualità di Champion Partner, l’azienda ha avuto per molti anni un’importante presenza nelle attività del club, sia nei reportage multimediali del Dortmund su TV, Internet e stampa, nei programmi delle partite o sui tabelloni a LED a bordo campo.

Ma quanto vale il rinnovo della partnership? Le cifre non sono state ufficializzate, ma secondo quanto riportato dal tabloid tedesco Bild, l’intesa nel complesso ha un valore di 100 milioni di euro. Questo significa che per i prossimi anni Signal Iduna verserà nelle casse del BVB oltre 10 milioni di euro a stagione.

«Signal Iduna non è solo il più grande datore di lavoro privato di Dortmund, ma anche un partner molto affidabile per noi, che siamo stati al fianco del BVB nei momenti positivi e negativi. Quando il nostro club ha dovuto affrontare una minaccia esistenziale all’inizio del millennio, Signal Iduna è stata una delle prime società a sostenerci senza riserve, contribuendo così a garantire la sopravvivenza del BVB. Non lo dimenticheremo mai», diceva l’amministratore delegato del Borussia Dortmund Hans-Joachim Watzke commentando il rinnovo dell’accordo.

ISCRIVITI AD AMAZON PRIME VIDEO E PROVALO GRATIS PER 30 GIORNI. CLICCA QUI PER REGISTRARTI

IMPORTANTE: In qualità di Affiliato Amazon, Calcio e Finanza riceve un guadagno dagli acquisti idonei. Calcio e Finanza riceve una commissione per ogni utente, con diritto di usufruire del periodo gratuito di 30 giorni di Amazon Prime, che da www.calcioefinanza.it si iscrive a Prime attraverso PrimeVideo.com. Registrandoti ad Amazon Prime Video attraverso il precedente link puoi pertanto contribuire a sostenere il progetto editoriale di Calcio e Finanza. Grazie.

PrecedenteAgnelli: «Superlega progetto ancora vincolante per 11 club»
SuccessivoUBS: taglio di 70 dipendenti In Italia dopo l’utile da 7,5 mld