DAZN impegni AgCom
(Foto: Gabriele Maltinti/Getty Images)

DAZN alza i prezzi in Spagna. Dopo gli aumenti stabiliti in Germania e in Giappone, la piattaforma di sport in streaming ha deciso di aumentare i costi del servizio anche per i clienti spagnoli. A partire dal 17 marzo, infatti, ci sarà un aumento del prezzo del 30% e un balzo successivo avverrà molto probabilmente quando DAZN inizierà a trasmettere la Liga spagnola.

Il costo per l’abbonamento a DAZN passerà dunque a 12,99 euro al mese o 129,99 euro all’anno, rispetto agli attuali 9,99 euro al mese e 99,99 euro annuali. DAZN ha comunicato la novità ai suoi abbonati tramite una mail. L’aumento entrerà in vigore il 17 marzo per i nuovi abbonati, mentre per gli abbonati attuali il nuovo prezzo sarà in vigore dal mese di aprile.

DAZN ha sottolineato che questi nuovi prezzi «riflettono il valore attuale della sua offerta». Questo aumento, come specificato in precedenza, è indipendente dalle cinque partite a giornata della Liga che DAZN trasmetterà dal 2022/23. Per queste, infatti, è ancora in sospeso una «nuova strategia di prezzo» e molto dipenderà dall’eventuale accordo con Movistar+.

Chi non vorrà seguire il calcio spagnolo – sottolineano dalla Spagna – continuerà a pagare 12,99 euro al mese, ma per aggiungere le partite della Liga dovrà fare un passaggio «a un piano superiore», di cui si conosceranno i dettagli e i prezzi in seguito. È la seconda volta che DAZN aumenta la sua tariffa mensile, da quando è arrivata in Spagna nel 2019 al costo di 4,99 euro al mese, cifra che è stata poi portata a 9,99 euro e ora a 12,99 euro.

ISCRIVITI AD AMAZON PRIME VIDEO E PROVALO GRATIS PER 30 GIORNI. CLICCA QUI PER REGISTRARTI

IMPORTANTE: In qualità di Affiliato Amazon, Calcio e Finanza riceve un guadagno dagli acquisti idonei. Calcio e Finanza riceve una commissione per ogni utente, con diritto di usufruire del periodo gratuito di 30 giorni di Amazon Prime, che da www.calcioefinanza.it si iscrive a Prime attraverso PrimeVideo.com. Registrandoti ad Amazon Prime Video attraverso il precedente link puoi pertanto contribuire a sostenere il progetto editoriale di Calcio e Finanza. Grazie.

PrecedenteInter, ricavi da diritti tv e sponsor in calo del 35% nel semestre
SuccessivoStellantis presenta il piano strategico: ricavi a 300 mld entro il 2030