Stipendi debiti FIGC
(Foto: Omar Bai, via Onefootball)

Tra le decisioni più significative che sono emerse dalla riunione odierna del Consiglio Federale – oltre all’introduzione di una norma anti-Superlega – si registra anche l’approvazione dell’aggiornamento al Manuale delle Licenze Nazionali 2021/2022.

In particolare, la FIGC spiega che si è reso necessario contemperare l’esigenza di assicurare alla Federazione il monitoraggio dell’equilibrio economico e finanziario del calcio professionistico e di tenere, al contempo, in adeguata considerazione le conseguenze negative economiche derivanti dal perdurare dell’emergenza Coronavirus.

Per il conseguimento della licenza per la stagione 2021/22, rispetto ai criteri legali ed economico finanziari, le società dovranno aver assolto al pagamento:

  • dei debiti per trasferimenti internazionali di calciatori;
  • dei debiti tributari, tenendo conto dei provvedimenti agevolativi e della sospensione dell’invio delle comunicazioni d’irregolarità per l’anno d’imposta 2020;
  • dei debiti nei confronti dei tesserati e delle altre figure amministrative per emolumenti fino a maggio 2021 e delle relative ritenute fiscali sugli emolumenti fino alla mensilità di aprile e dei contributi previdenziali fino alla mensilità di maggio.

La Federcalcio sottolinea inoltre che «rimane ferma la possibilità per l’assolvimento di ritenute e contributi di beneficiare delle agevolazioni di legge, ove applicabili. Inoltre, le società dovranno documentare l’avvenuto superamento di eventuali situazioni di deficit patrimoniale risultanti dalla situazione intermedia al 31 marzo 2021».

GUARDA IL GRANDE SPORT DI SKY IN STREAMING SU NOW. CLICCA QUI E SCOPRI L’OFFERTA GIUSTA PER TE