Caso Berenguer Osasuna Torino
(Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

Caso Berenguer Osasuna Torino – L’Osasuna si è rivolto alla FIFA per il mancato pagamento da parte del Torino di 2,8 milioni di euro in relazione all’operazione che ha portato il calciatore Alex Berenguer prima in Piemonte e ora all’Athletic Bilbao.

Ángel Ardanz, dirigente della società spagnola, ha spiegato nella presentazione del bilancio annuale del club che i granata devono ancora versare 1,3 milioni di euro, inerenti all’ultima tranche di pagamento del cartellino del calciatore, acquistato nel 2017.

Non solo, secondo il Mundo Deportivo, il club italiano non ha pagato neanche gli 1,5 milioni legati a una speciale clausola contenuta nel contratto di Berenguer.

Come ricorda Tuttosport, nell’estate del 2017 i granata accettarono infatti di inserire, nell’accordo per il trasferimento del giocatore spagnolo a Torino, una postilla anti-Athletic Bilbao, acerrima rivale dell’Osasuna. Ovvero, in caso di cessione al club basco, la società di Urbano Cairo avrebbe dovuto pagare un milione e mezzo di euro al club di Pamplona.

E dov’è finito Berenguer? Proprio nei Paesi Baschi, al San Mamés. Il Bilbao ha infatti ufficializzato l’acquisto del calcatore, ormai ex granata, lo scorso 3 ottobre per un corrispettivo di 12 milioni di euro.

Fran Canal, direttore generale dell’Osasuna, ha dichiarato: «Il Toro deve pagare, non c’è modo per scappare. Loro vogliono appellarsi ad una presunta nullità della clausola, ma la giurisprudenza in casi come questi impone una piccola sanzione per la squadra che mette questa clausola, non certo l’annullamento di essa».