Stipendi telecronisti Rai
Il logo di Rai Sport

Stipendi telecronisti Rai – Quanto guadagna un telecronista della Rai? In molti se lo chiedono, specie in concomitanza con le partite di calcio trasmesse dalla televisione pubblica.

Partite che, considerato che la Rai non detiene i diritti per la trasmissione della Serie A, riguardano principalmente gli incontri della Nazionale, sia la maggiore sia la Under 21, la Champions League (quando la Rai ne ha avuto i diritti), Coppa Italia e Supercoppa italiana.

Attualmente la Rai detiene, tra gli altri, i diritti tv delle seguenti competizioni calcistiche:

  • Tutti gli incontri della Nazionale maggiore in Nations League;
  • Tutti gli incontri della Nazionale maggiore nelle qualificazioni mondiali per Qatar 2022;
  • Tutti le amichevoli internazionali della Nazionale maggiore;
  • 27 partite di Euro2020 (torneo posticipato al 2021) comprese le partite della Nazionale maggiore;
  • Tutte le partite della Coppa Italia;
  • La Supercoppa italiana.

Stipendi telecronisti Rai – Chi sono i telecronisti

Attualmente i telecronisti Rai sono i seguenti:

  • Alberto Rimedio
  • Stefano Bizzotto
  • Luca De Capitani
  • Dario Di Gennaro
  • Giacomo Capuano
  • Gianni Bezzi
  • Marco Lollobrigida
  • Federico Calcagno

Dal settembre del 2014 il telecronista Rai “designato” a seguire le partite della Nazionale italiana di calcio è Alberto Rimedio.

Nelle telecronache della Nazionale, Rimedio, nato a Roma il 29 maggio 1972, è stato affiancato inizialmente dal collega Stefano Bizzotto, poi dall’ex ct dell’Italia Giovanni Trapattoni, da Walter Zenga a Euro 2016, da Alberto Zaccheroni e nuovamente da Walter Zenga da novembre 2017, per poi da settembre 2018 essere affiancato da Antonio Di Gennaro.

Stipendi telecronisti Rai – Quanto guadagnano

Gli stipendi telecronisti Rai non sono ufficialmente noti. La tv pubblica rende noti solo gli stipendi di coloro che sono legati alla Rai da un rapporto di lavoro subordinato a tempo determinato o indeterminato che abbiano percepito nell’ultimo anno un compenso annuo lordo pari o superiore a 200 mila euro. Ad oggi sono disponibili sul sito della Rai i compensi relativi al 2019.

Tra i giornalisti di Rai Sport, testata cui fanno capo i telecronisti Rai, l’unico ad aver avuto nel 2019 un compenso lordo superiore ai 200 mila euro è il direttore della testata giornalistica sportiva Auro Bulbarelli.

Bulbarelli ha ricevuto per il 2019 una retribuzione lorda di 202.694 euro, così suddivisa:

  • Retribuzione fissa – 159.832 euro
  • Retribuzione accessoria – 1.954 euro
  • Retribuzione variabile – 40.908 euro

Per stimare con precisione quanto guadagnano i telecronisti Rai è possibile però incrociare le informazioni pubbliche a disposizione, ovvero i minimi previsti dal contratto collettivo nazionale dei giornalisti e l’accordo integrativo siglato tra l’Usigrai (il sindacato dei giornalisti dell’azienda di Stato) e la stessa Rai.