Si può sciare? Che cosa prevede il nuovo Dpcm 24 ottobre 2020 sul Coronavirus Covid-19
(Photo by FABRICE COFFRINI/AFP via Getty Images)

Si può sciare dopo l’entrata in vigore del nuovo Dpcm sull’emergenza coronavirus? In teoria sì, considerando che il testo del decreto firmato dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, non vieta esplicitamente di sciare. In pratica no, visto che il provvedimento del governo ha decretato la chiusura degli impianti nei comprensori sciistici.

Al momento, gli unici legittimati ad utilizzare gli impianti di risalita nei comprensori sciistici sono gli atleti professionisti o non professionisti ma riconosciuti di interesse per lo sport nazionale da parte del Coni o delle Federazione italiana sport invernali.

«Sono chiusi gli impianti nei comprensori sciistici; gli stessi possono essere utilizzati solo da parte di atleti professionisti e non professionisti, riconosciuti di interesse nazionale dal Comitato olimpico nazionale italiano (CONI), dal Comitato Italiano Paralimpico (CIP) e/o dalle rispettive federazioni per permettere la preparazione finalizzata allo svolgimento di competizioni sportive nazionale ed internazionali o lo svolgimento di tali competizioni», si legge nel testo del Dpcm del 24 ottobre 2020, che entrerà in vigore lunedì 26 ottobre fino al 24 novembre 2020.

Si puo sciare? Impianti aperti solo con protocolli validati dal Cts

La chiusura degli impianti di risalita agli sciatori amatoriali potrebbe tuttavia trovare deroghe in ambito regionale. Il Dpcm prevede infatti questa possibilità a condizione che le Regioni ne facciano richiesta e si dotino di un protocollo asseverato dal Comitato tecnico scientifico.

«Gli impianti sono aperti agli sciatori amatoriali solo subordinatamente all’adozione di apposite linee guida da parte delle Conferenza delle Regioni e delle Province autonome e validate dal Comitato tecnico-scientifico, rivolte ad evitare aggregazioni di persone e, in genere, assembramenti», si legge sempre nel testo del Dpcm firmato da Conte.

Si puo sciare? In Alto Adige impianti ancora aperti

Le regole del nuovo Dpcm non sono state recepite, almeno per ora, in Alto Adige dove funivie e impianti sciistici sono ancora aperti, non solo per atleti professionisti, ma per chiunque voglia trascorrere una giornata in montagna.

Con un’ordinanza, approvata domenica 25 ottobr e destinata a far discutere, la Provincia autonoma di Bolzano ha deciso di andare nella direzione opposta a quanto deciso a livello nazionale col Dpcm.

Al momento i comprensori montani di Solda e Val Senales resteranno fruibili a tutti, coerentemente con le disposizioni contenute nel provvedimento del governatore Arno Kompatscher e in vigore da lunedì 26 ottobre. Per ora, dunque, si può sciare in Alto Adige.