Juventus Higuain buonuscita
Gonzalo Higuain (Photo Federico Tardito / Insidefoto)

Juventus Higuain buonuscita – 149 match e 66 reti segnate. Sono i numeri di Gonzalo Higuain alla Juventus. Il Pipita arrivato nell’estate del 2016 in pompa magna dopo i 90 milioni versati dai bianconeri nelle casse del Napoli per la clausola rescissoria che ne hanno fatto, fino all’arrivo di CR7 in Italia, l’acquisto più costoso della storia del calcio italiano.

Sembra passata una vita da quel 26 luglio e gli scenari per l’attaccante argentino sono completamente diversi, passato dall’essere l’uomo cardine della Juventus ad un esubero, come sottolineato dal neo tecnico bianconero Andrea Pirlo nella sua prima conferenza stampa: “Con Higuain ho parlato, lo ammiro tantissimo, ha fatto un ciclo importante qui ma abbiamo deciso che le strade si devono separare”.

Nicolas Higuain, il fratello-agente dell’attaccante, è a Torino per risolvere il contratto con la società bianconera e potersi così liberare per raggiungere all’Inter Miami un altro ex bianconero, Blaise Matuidi. Gonzalo ha sostanzialmente un accordo con il club di Mls e vorrebbe ottenere dalla Juve una parte dello stipendio per il 2020-21. Da parte sua il club vuole pagare la quota minore possibile dei 7,5 milioni garantiti dal contratto, Higuain ha l’idea opposta.

Nel frattempo la dirigenza bianconera lavora sul mercato alla ricerca del prossimo numero 9 da consegnare ad Andrea Pirlo. I nomi sul taccuino di Paratici sono diversi: Suarez, Dzeko, e Cavani. Suarez deve risolvere le questioni economiche con il Barcellona. Il Pistolero pretende il pagamento dell’anno di contratto che lo lega ai blaugrana, forte anche dell’opzione per il 2021-22, che scatterebbe se mettesse insieme il 60% delle presenze nella prossima stagione. Inoltre resta da risolvere la questione burocratica legata al passaporto italiano.

Per quanto riguarda Edin Dzeko, il bosniaco resta un’alternativa, ma la Roma prima di cederlo deve firmare Milik o un altro attaccante. Infine il compagno di nazionale di Suarez, Edinson Cavani, per diventare un’opzione deve abbassare le sue richieste economiche.