Donnarumma Coronavirus
Gianluigi Donnarumma, portiere del Milan (Photo Federico Tardito / Insidefoto)

Il Milan lavora alle conferme. La priorità è il contratto di Zlatan Ibrahimovic, senza dubbi. Ma una volta archiviata la pratica dello svedese, il Milan vuole accelerare sul tema rinnovo anche per Gigio Donnarumma.

Il portiere è considerato determinante per il progetto rossonero, più volte Maldini e Massara ne hanno sottolineato l’importanza e la volontà di tenere il portiere della Nazionale a Milanello. Sopratutto dopo il campionato da protagonista disputato da Donnarrumma e non c’è alcuna intenzione di perderlo.

Il nodo legato al rinnovo resta la clausola rescissoria. Servirà raggiungere un compromesso tra la cifra che vorrebbe Raiola e quella che gradirebbe il Milan. Ma, per convincere il superagente, la dirigenza sta studiando una proposta che possa includere una percentuale da lasciare proprio a Mino Raiola sulla futura cessione, come riporta Calciomercato.com

Una strada non nuova per l’agente di Donnarrumma che servirebbe per superare lo stallo sulla clausola. Infatti già la Juventus negli anni scorsi aveva utilizzato lo stesso stratagemma, concedendo una percentuale sulla rivendita di Paul Pogba, poi prontamente incassata da Raiola al momento del suo ritorno al Manchester United.

Una freccia in più nella faretra dei dirigenti del Diavolo, il cui obbiettivo resta quello di blindare la porta con la permanenza di Donnarrumma. D’altronde, dopo una stagione come quella appena conclusa dal classe ’99 conclusa con 14 partite senza subire gol e 4 rigori parati sugli 8 concessi dai rossoneri, come non provare qualsiasi strada per rinnovargli il contratto.