(Daniele Buffa/Image Sport/Insidefoto)

Quasi 19 anni fa il Monza giocò l’ultima partita in Serie B contro la Pistoiese allo stadio Brianteo. Ieri, lunedì 8 giugno il club brianzolo ha conquistato nuovamente la serie cadetta, con l’obiettivo di guadagnare la promozione in Serie A già il prossimo anno.

Silvio Berlusconi e Adriano Galliani – scrive La Gazzetta dello Sport – non ne hanno mai fatto mistero e si preparano a stanziare un budget importante per completare questa operazione: intorno ai 28-30 milioni. Cifre che chiariscono che quelli della dirigenza non sono solamente auspici.

Quello del Monza è stato un dominio assoluto in questo campionato di Serie C. Grazie anche a un gruppo formato da diversi giocatori di categoria superiore, i brianzoli al momento dello stop avevano perso una sola partita in campionato e avevano un vantaggio di 16 punti sulla Carrarese, seconda in classifica.

Conquistata la promozione, domani Adriano Galliani e il tecnico Brocchi terranno una conferenza stampa, in cui verosimilmente si inizierà a parlare di programmi futuri. Il progetto nella testa di Silvio Berlusconi è quello di portare il Monza per la prima volta in Serie A a sfidare il Milan.

«Il Monza allestirà una squadra per puntare al vertice della Serie B. La promozione dipende, si sa, da tanti fattori, alcuni dei quali imprevedibili. Quelli prevedibili invece li abbiamo ben presenti e faremo del nostro meglio per sfruttarli a nostro vantaggio», aveva già ricordato Berlusconi.

Per questo il club è al lavoro su nomi importanti. La Gazzetta spiega che per l’attacco si guarda a Massimo Coda, un top di categoria, tra i protagonisti del Benevento che ha dominato questo campionato: il bomber è in scadenza di contratto, e non ha accettato le proposte di rinnovo proprio perché ha l’alternativa pronta.

A centrocampo potrebbe arrivare Andrea Barberis del Crotone, uno dei playmaker più in vista del torneo, mentre come mezzala un nome che piace a Cristian Brocchi è quello di Emanuele Ndoj del Brescia, il cui contratto però scade nel 2022 e servirà un accordo tra Galliani e Cellino.

Per la fascia sinistra, invece, l’ipotesi più suggestiva porta il nome di Luca Antonelli, già al Milan ai tempi di Brocchi e Galliani. Se avrà superato i guai fisici che hanno tormentato la sua stagione a Empoli, avrà buone possibilità di essere ingaggiato.