Logo Juventus (Insidefoto.com)

Entro la prima metà dell’anno, l’agenzia di rating Standard Ethics valuterà se inserire o meno la Juventus all’interno dello “SE Italian Index”, il quale comprende le maggiori 40 quotate italiane.

La Juventus pensa allo sponsor di manica per sfruttare l’effetto CR7

Lo riporta “Radiocor”, spiegando che SE – in una nota – ha ricordato che la Juventus ha adottato una serie di politiche di responsabilità e di sostenibilità e che il 26 giugno 2018 è stato approvato il nuovo Codice Etico della Società.





Stando a quanto indica il Codice Etico del Club, «i Partner e gli Altri Soggetti, tra cui i Fornitori, i Licenziatori e i Partner commerciali e societari con i quali Juventus intrattiene rapporti contrattuali sono soggetti tenuti all'osservanza del Codice stesso». Inoltre, tra i principi fondamentali, «il documento cita il rispetto dei diritti umani - secondo le linee guida delle Nazioni Unite - e l'impegno ad evitare ogni discriminazione e a rispettare le differenze di genere, orientamento e identità sessuale».

Dal rosso al bianconero: idea Arrivabene per la dirigenza della Juve

Alla luce di questi principi, «Standard Ethics osserverà con interesse le azioni che Juventus intraprenderà per la corretta attuazione degli impegni che ha assunto in materia di responsabilità e sostenibilità. La finale della Supercoppa italiana tra la squadra torinese ed il Milan, che si terrà a Gedda, Arabia Saudita, il prossimo 16 gennaio, sarà un interessante banco di prova».

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here