Fabio Paratici
Fabio Paratici (Insidefoto.com)

Intervista Paratici – Fabio Paratici e la Juventus sono legati ormai dal 2010. Il direttore sportivo è colui che è riuscito a portare in bianconero Cristiano Ronaldo, contribuendo negli anni (assieme a Giuseppe Marotta) agli straordinari risultati raggiunti dal club piemontese.

Juventus rinnova con Adidas: 51 milioni a stagione fino al 2027

Paratici ha rilasciato un’intervista esclusiva a Sky Sport24, per lo speciale “Il Codice Paratici”, dove ha parlato del rapporto con Marotta e delle sue strategie. Partendo dall’ex collega, Paratici ha spiegato: «Credo che fossimo molto ben assortiti, complementari. Nel senso che io mi occupavo di una parte prettamente tecnica, lo scouting, il rapporto con gli agenti, individuare i calciatori».

Intervista Paratici, le strategie del ds sul mercato

Il ds, parlando a Gianluca Di Marzio, ha rivelato alcuni segreti del mestiere, a cominciare dal tenere monitorati più giocatori contemporaneamente: «Sì, ma credo che quella sia un po’ una cosa di tutti. Nel mio caso non è nemmeno troppo una strategia. È che sono ossessionato dal riconoscere. Quindi quando vedo o leggo o sento dagli agenti, o dalle persone che mi informano, che qualcuno sta trattando un giocatore, la mia più grande dote credo che sia la curiosità di sapere com’è quel giocatore. Questa è una cosa che mi stimola molto. Quindi a volte faccio azioni di disturbo anche non volendo strategicamente. È proprio una questione di conoscere e di sapere, ma quando poi ti informi su un giocatore logicamente lo collegano alla tua squadra e anche tu diventi un potenziale pretendente».

Juventus e Samsung lanciano lo smartphone bianconero

Tra le trattative più logoranti, Paratici individua quella per Carlos Tevez: «E’ stato un giocatore che abbiamo contattato alla fine del primo anno alla Juve, quando non facemmo una bella stagione. Dovevamo rilanciare la Juve e contattammo ugualmente Tevez, anche se non eravamo qualificati per la Champions. I grandi giocatori, quando non giochi la Champions, fanno fatica a venire. Però lui disse subito: “Sì, anche se non siamo in Champions, io alla Juve verrei”. Poi la trattativa non è andata in porto per altri motivi, economici e via dicendo, però siamo sempre rimasti in contatto perché è sempre stato un mio chiodo fisso portare Tevez alla Juve». 



Intervista Paratici, la trattativa per Cristiano Ronaldo

Inevitabile poi toccare il tema Cristiano Ronaldo: «Con Cristiano è stato abbastanza semplice perché lui aveva in testa di venire alla Juve. Non c’è stato bisogno di convincerlo tanto. Credo intorno al 25 di maggio, dopo la finale di Champions. Lui è stato subito deciso, ha detto “Io, se la Juve c’è, voglio solo la Juve”. Quando ci siamo visti con Mendez, parlando di Cancelo, perchè la cosa nasce da questo. Lui mi ha detto: “Tu non ci credi, però Cristiano vuole venire alla Juve. Io risposi: “Non è che non ci credo, ma mi sembra difficile riuscire a far quadrare tutto”. Il Presidente è una persona molto presente nella nostra vita quotidiana perché è sempre con noi, o comunque sempre raggiungibile. Ci si può incontrare facilmente. Eravamo in giorni di programmazione, questo non era programmato, ma io gli ho detto: “Ci sarebbe una opportunità, l’importante è che mi ascolti fino alla fine. Sai, quando ti presenti nel suo ufficio e gli dici che devi comprare Cristiano Ronaldo… è una bella notizia sportiva, ma poi c’è tutta un’altra parte. Ma lui capì subito».

come vedere Juventus-Roma gratis su DAZN
Cristiano Ronaldo ( Foto Federico Tardito/ OnePlusNine / Insidefoto)

«Credo di averci messo un minuto a capire che lui stava già ragionando in quella direzione – prosegue Paratici –. Quando sono uscito dall’ufficio ho creduto che potessimo arrivarci. Agnelli mi ha detto: “Fammici pensare un giorno o due”, ma mi ha telefonato dopo 3 ore. Per redigere tutti i contratti ci siamo chiusi in una villa sul Lago Maggiore per un giorno intero con tutti gli avvocati della Juve e del calciatore».

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here