SHARE
ascolti tv barcellona inter
Rafinha e Brozovic in Barcellona-Inter (Foto Daniele Buffa/Insidefoto)

Poco più di due settimane fa era circolata la notizia secondo la quale Adidas aveva fatto causa a Rafinha, giocatore del Barcellona, a seguito di inadempienze da parte del calciatore in merito agli accordi di sponsorizzazione con il celebre brand di abbigliamento sportivo.

Ecco le maglie Adidas-EA Sports: per il Real Madrid un look “spaziale”

Caso Rafinha-Adidas: i fatti

In pratica, convinto del fatto che il contratto con la casa tedesca fosse scaduto il primo di luglio del 2018, il giocatore ha iniziato a indossare un paio di calzature completamente nere durante le partite, contravvenendo in questo modo all’intesa con il suo sponsor tecnico. Il contratto, infatti, non era scaduto: sul testo dell’accordo era presente una clausola che specificava come la sponsorizzazione potesse essere estesa fino a marzo 2023 unilateralmente, diritto che Adidas ha esercitato prima di pretendere il risarcimento milionario. Da qui la denuncia del brand.




Caso Rafinha-Adidas, la decisione del tribunale

Il tribunale, come spiega il sito spagnolo “AS”, ha dato ragione allo sponsor («il testo è sufficientemente chiaro, per cui è impossibile invalidarlo o annullarlo», la giustificazione data), condannando Rafinha a risarcire Adidas con 1 milione di euro. Un danno sicuramente più lieve per il calciatore, rispetto alla somma inizialmente chiesta da Adidas: 100.000 euro per ogni occasione in cui il giocatore non aveva indossato le scarpe giuste.

In risposta alla notizia, l'agenzia che cura gli interessi di Rafinha ha emesso un comunicato specificando che si tratta di una «sentenza preliminare e provvisoria» e che per il momento «il giocatore non è ancora stato condannato a pagare alcuna penalità economica».

LASCIA UNA RISPOSTA: