SHARE
ascolti tv barcellona inter
Rafinha e Brozovic in Barcellona-Inter (Foto Daniele Buffa/Insidefoto)

Adidas denuncia Rafinha – L’ex giocatore dell’Inter – e attualmente al Barcellona – Rafinha non sta sicuramente vivendo uno dei migliori momenti della sua carriera da calciatore. Appena operato al ginocchio per la rottura del legamento crociato anteriore, il giocatore si trova ora a dover fare i conti con una denuncia a suo carico da parte di Adidas.

Il celebre marchio di abbigliamento sportivo ha infatti accusato Rafinha di inadempienze contrattuali, motivo per il quale ha deciso di denunciarlo dinanzi al Tribunale di Amsterdam.

Adidas chiede in sostanza che il calciatore rispetti i suoi obblighi di sponsorizzazione e utilizzi il materiale tecnico dell’azienda tedesca. Secondo la stampa olandese, la denuncia sarebbe stata presentata nei Paesi Bassi dato che il contratto è firmato sotto la giurisdizione di quel paese.




Adidas denuncia Rafinha, i fatti

Ma come nascono le divergenze tra Adidas e Rafinha? Le due parti hanno siglato una partnership nell'ottobre 2013. Il centrocampista, in cambio di un compenso, si è impegnato a utilizzare l'abbigliamento sportivo e le calzature che fornite da Adidas sia in allenamento, sia nelle gare con il proprio club, oltre che di fronte ai media.

Barcellona, anche Scranton in corsa per i naming rights del Camp Nou

Il contratto è scaduto il 30 giugno 2018, ma stando ad Adidas il rapporto non si sarebbe estinto, bensì si sarebbe tacitamente rinnovato fino a marzo 2023, non avendo ricevuto comunicazioni da parte del calciatore sulla volontà di porre fine alla collaborazione. Tuttavia, Rafinha ha interpretato l’accordo diversamente, e a partire dal 1 ° luglio 2018 ha iniziato a indossare scarpe da calcio del marchio di abbigliamento sportivo giapponese Mizuno (brand comunque annerito in attesa di risolvere la questione con Adidas).

Inter, si va verso un nuovo pienone per il Psv: aperto il terzo anello a San Siro

La società tedesca chiede dunque che Rafinha torni a indossare il proprio materiale tecnico, minacciando anche la richiesta di un risarcimento di 100.000 euro.

LASCIA UNA RISPOSTA: