SHARE
(Fonte: FC Barcelona)

Naming rights Camp Nou – Il Barcellona è alla ricerca di un accordo per la vendita dei diritti di denominazione (naming rights) del Camp Nou. Secondo quanto riporta la radio spagnola “RAC1”, il club catalano sarebbe in trattative avanzate con la compagnia farmaceutica “Grifols” al fine di trovare un’intesa proprio in questo senso. L’azienda era già stata accostata in passato al Barça, ma aveva successivamente smentito qualsiasi tipo di intesa. Tuttavia, ora, l’ipotesi sembrerebbe essere maggiormente fondata.

Partite di Liga in Cina, il Barcellona apre a questa possibilità

Naming rights Camp Nou, i catalani vogliono coprire i costi di “Espai Barça”

Come spiega “SportsProMedia”, sebbene i termini finanziari dell’accordo proposto non siano stati divulgati, indiscrezioni suggeriscono che i campioni della Liga sarebbero disposti a vendere i naming rights per una cifra vicina ai 20 milioni di euro all’anno, e l’ufficialità della collaborazione potrebbe arrivare già a fine 2018.





Ipotizzando un accordo della durata di 20 anni, ecco che il Barcellona potrebbe raccogliere 400 milioni di euro, una cifra importante per la società, che mira a coprire in questo modo i costi di “Espai Barça”. Si tratta del grande progetto di ristrutturazione da 600 milioni di euro, che prevede anche un aumento della capacità dello stadio fino a 105.000 posti. In programma, inoltre, la costruzione di un nuovo palazzetto per la squadra di basket del club.

Il Real sfida il Barcellona: aperto il quarto store in terra catalana

Naming rights Camp Nou, già rifiutataun'offerta da parte di Mediapro

A ottobre, il gruppo audiovisivo Mediapro aveva presentato un'offerta di 300 milioni di euro per i diritti di denominazione del Camp Nou. Tuttavia, i negoziati tra l’azienda e il club catalano non erano andati a buon fine e la trattativa si era conclusa con un nulla di fatto.

1 COMMENTO

  1. Il Barcellona si è accordato con l’azienda Grifols per il naming right del CampNou per 20milioni l’anno per 20 anni, 400milioni che verranno utilizzati per riammodernare e aumentare capienza del CampNou.E la Juve rimane al palo grazie a lei presidente e alla sua famiglia.Infatti prima della gestionbe Agnelli Elkann iniziata nel 2005 la Juve aveva gli stessi ricavi annui del Barça.

LASCIA UNA RISPOSTA: