SHARE
(Fonte: The Sports Biz)

Un totale di 764,5 milioni di dollari. E’ questa la spesa annuale dei trenta marchi leader nel settore delle bevande alcoliche per le sponsorizzazioni sportive. La cifra – che vede Bud Light al primo posto come spesa – riguarda 281 contratti attivi nel settore, l’89% dei quali è stato siglato tra società sportive e marchi produttori di birra.

La spesa annua dei marchi di alcolici nello sport, sono 281 i contratti attivi

I dati – scrive “The Sports Biz” – sono stati forniti da Sportcal, una società che analizza il mercato sportivo. Nel suo rapporto, Sportcal ha rivelato che i dieci maggiori marchi di bevande alcoliche rappresentano anche l’87,6% dei 764,5 milioni di dollari stimati nella spesa annuale per le sponsorizzazioni sportive. Essi rappresentano inoltre circa il 55% dei 281 contratti attivi.

Bud Light si trova al primo posto nella classifica dei brand, grazie a una spesa di circa 250 milioni di dollari all’anno, che significa il 35,2% della spesa totale nelle sponsorizzazioni di bevande alcoliche a livello globale. La spesa del marchio è dovuta ad accordi con la National Football League e la England’s Football Association. L’accordo con la NFL è stato rinnovato nel 2015 per sette anni, fino al 2022, in cambio di 1,4 miliardi di dollari. 



La spesa annua dei marchi di alcolici nello sport, l'11% degli accordi coinvolge Heineken

Bud Light è seguita da Heineken (118,3 milioni), che rappresenta il 16,7% della spesa annua della categoria per le sponsorizzazioni sportive e l'11% dei contratti attivi. Il numero di partnership rende Heineken la società leader nel flusso di affari per questo settore. I suoi accordi con UEFA Champions League e Formula 1 portano il brand in seconda posizione.

Juve, effetto CR7 sui social: obiettivo rinegoziare contratti e sponsor

I primi trenta marchi di bevande alcoliche puntano forte sugli accordi europei. Il 59,1% delle sponsorizzazioni sportive confluisce nel vecchio continente, seguito dal Nord America al 20%. L'Europa mantiene una posizione forte nonostante la Francia abbia restrizioni legali sulla pubblicità di alcolici.

LASCIA UNA RISPOSTA: