SHARE
Voluntary agreement Milan
Yonghong Li tra David Han Li e Marco Fassone (Insidefoto.com)

Ricavi AC Milan 2018 – Il Milan ha chiuso il bilancio al 30 giugno 2018 con una perdita consolidata pari a 126 milioni di euro a fronte di ricavi comprese le plusvalenze di 256 milioni.

Il bilancio presentato dal Gruppo Milan si riferisce ai dodici mesi di gestione di Yonghong Li, uscito definitivamente di scena il 10 luglio per effetto dell’escussione del pegno da parte del fondo Elliott.

Nel dicembre 2017 la società rossonera, rappresentata dall’allora amministratore delegato Marco Fassone, si era vista bocciare il business plan presentato all’UEFA in merito alla richiesta di voluntary agreement.

I motivi riguardavano principalmente

  1. L’affidabilità e consistenza patrimoniale della proprietà cinese;
  2. Le previsioni economico-finanziarie presentate al massimo organismo di calcio europeo non avevano convinto la commissione in quanto ritenute troppo ottimistiche.

L’inconsistenza patrimoniale di Yonghong Li è stata dimostrata nel luglio 2018, e pertanto i “pregiudizi” di cui l’UEFA fu accusata hanno trovato ragione nei fatti successivamente accaduti.

Riguardo invece i numeri contenuti nel business plan, diventa interessante analizzare gli scostamenti tra quanto previsto dal business plan messo a punto all’inizio della stagione 2017-2018 e in parte rivisto prima di presentare la richiesta di voluntary agreement e quanto rendicontato nel bilancio al 30 giugno 2018.

Il Milan chiude il bilancio 2017-2018 in rosso di 126 milioni

Ricavi AC Milan 2018 – I numeri del business plan di Fassone

Secondo quanto previsto dal documento ufficiale, il bilancio del Milan avrebbe dovuto conseguire una quota di ricavo, al netto del player trading, pari a 273 milioni per l’esercizio 2017/2018.

La composizione del fatturato sarebbe dovuta essere la seguente:

  • ricavi da broadcasting (esclusi diritti UEFA): 99 milioni;
  • ricavi da stadio: 23 milioni;
  • ricavi da sponsorship & marketing: 61 milioni;
  • ricavi dal mercato cinese (poi esteso al mercato asiatico, in seguito alla revisione del business plan): 90 milioni.
business plan milan
(foto dal blog carlofesta.blog.ilsole24ore.com)

Le proiezioni economiche avrebbero portato il Milan raggiungere quota 524 milioni di fatturato nella stagione 2021/2022, rappresentati per circa il 45% da ricavi derivanti da attività in territorio cinese.

Il CAGR (compound annual growth rate), vale a dire il tasso di crescita medio annuo, sarebbe stato pari al 21,7%. Per intenderci, come da grafico sotto riportato, la Juventus ha avuto un CAGR del fatturato pari al 12% tra i 2011 e il 2016.

Anni in cui la società bianconera è tornata ad essere protagonista in Italia e in Europa, avendo però a disposizione una struttura societaria e una programmazione interna diversa da quella che la proprietà cinese dei rossoneri poteva garantire.

Ricavi Juventus - Elaborazione Calcio e Finanza
Ricavi Juventus – Elaborazione Calcio e Finanza

Ricavi AC Milan 2018 – I numeri del bilancio

Senza considerare il player trading, l’incremento del fatturato rispetto al 30 giugno 2017 è pari a 7,87 milioni, ma ben distante da quanto ipotizzato nel documento previsionale messo a punto da Fassone all’inizio della scorsa stagione.

Ricavi AC Milan 2018 - Consuntivo e previsioni a confronto
Ricavi AC Milan 2018 – Consuntivo e previsioni a confronto

I numeri previsti dal business plan della gestione Fassone si sono rivelati in linea con i risultati raggiunti nel 2017-2018 sul fronte dei ricavi da diritti tv e sul fronte commerciali, ma complessivamente i ricavi attesi per lo scorso esercizio sono stati sovrastimati di circa 80 milioni di euro.

Grazie all’apporto di Milan China il precedente management della società rossonera si aspettava di chiudere il 2017-2018 con ricavi pari a 273 milioni di euro.

Di ricavi dalla Cina, invece, neanche l’ombra. I 90 milioni previsti per la stagione 2017-2018, che dovevano diventare 225 milioni al 30 giugno 2022, non si sono presentati all’appuntamento del bilancio consolidato.

Da notare inoltre che nel business plan non si faceva riferimento a sponsorizzazioni da parte di eventuali partner cinesi, per cui si sarebbe potuta dare come spiegazione il blocco imposto dal governo cinese per l’uscita di capitali. L’ammontare riportato faceva, infatti, riferimento ad attività di sfruttamento del brand Milan all’interno del mercato della Grande Muraglia.

Ricavi AC Milan 2018 – Il cambio di rotta: dalla Cina al Far East

Che la strategia di crescita sul mercato cinese potesse non portare ai risultati attesi all’inizio della scorsa stagione se ne erano accorti anche gli stessi dirigenti rossoneri proprio a ridosso del confronto con la Uefa sul voluntary agreement poi rifiutato da Nyon.

Nell’ottobre 2017, dopo la costituzione di AC Milan China e la nomina a CEO della filiale cinese dell’ex manager di Infront, Adidas e Century Sport Investment, Markus Kam, i vertici della società rossonera avevano deciso di allargare il perimetro di attività non solo al mercato cinese, come previsto nelle bozze originarie del piano, ma a tutto il Far East, regione in cui il Milan può contare su un imponente bacino di tifosi e simpatizzanti, grazie ai successi internazionali degli anni ’90 e della prima decade del XXI secolo.

Non più solo Cina, il Milan ridisegna il piano di espansione in Asia

«Dopo un attenta fase di studio, seguita alla costituzione di AC Milan China e all’insediamento del nuovo management», aveva spiegato a Calcio e Finanza, il Chief Commercial Officer, Lorenzo Giorgetti, «abbiamo effettuato una revisione dei piani e delle aspettative iniziali sui ricavi realizzabili in Cina. Abbiamo pertanto deciso di allargare il perimetro delle attività nella regione a tutto il Far East, considerato che ci sono anche altri mercati, a cominciare dall’Indonesia, dove il Milan ha una grande base di tifosi e simpatizzati».

Questa rifocalizzazione del modello di business di AC Milan China non avrebbe dovuto portare, stando alle aspettative del management rossonero, ad una revisione dei target economici. «Puntiamo a raggiungere gli obiettivi che ci eravamo dati all’inizio facendo leva sui linee di business e un perimetro differente», aveva spiegato allora Giorgetti.

Ricavi AC Milan 2018 – I business plan per l’Uefa

Che qualcosa sia cambiato nel corso dell’anno si intuisce anche leggendo le motivazioni che hanno portato l’Uefa ad escludere il Milan per una stagione dalle coppe (sentenza poi ribaltata dal Tas).

La società rossonera, spiega l’Uefa, ha presentato tre diversi business plan, con indicazioni diverse per quanto riguarda i ricavi dal business cinese.

Ricavi AC Milan 2018

Nel primo documento, presentato nel maggio 2017, il Milan prevedeva, nel worst case scenario, un risultato netto pari a 19 milioni dalle attività in Cina. Cifra scesa poi a 8,8 milioni nel business plan mostrato all’Uefa nel novembre 2017 e infine scesa a 0 nel terzo e ultimo documento dell’aprile 2018.

 

1 COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA: