(Alterphotos / Insidefoto)

Telefónica interrompe la propria attività di sponsorizzazione nell’elite del calcio spagnolo. La compagnia, infatti, non sarà più sponsor di Real Madrid e Barcellona, oltre che della nazionale spagnola di calcio.

Telefónica, termina anche la collaborazione con la nazionale spagnola

Lo riporta “Palco23”, che spiega come la società di telecomunicazioni abbia scelto di non rinnovare i contratti di sponsorizzazione con i due club e con “La Roja”, anche se continuerà ad essere presente in altri sport come il ciclismo, il tennis e il basket. Il legame tra Telefónica e la nazionale spagnola si è instaurato nel 2012, ma questa estate il nome della società ha smesso di comparire sul materiale tecnico della selezione, per fare spazio a CaixaBank, uno degli sponsor della RFEF, che verserà circa sei milioni di euro a stagione.

Dove vedere Spagna-Marocco Tv streaming
Esultanza giocatori della Spagna (Foto Insidefoto.com)

Telefónica, le cifre dei contratti con Barcellona e Real Madrid

L’alleanza con il Real Madrid è stata siglata a marzo 2017 per un periodo di due anni. Si trattava di un accordo rilevante per le merengues, poiché generava 15 milioni di euro ogni anno e mezzo di contratto. Con il Barça, invece, l’accordo risale al 2015, quando la compagnia di telecomunicazioni ha firmato come sponsor regionale in America Latina per 13 milioni l’anno. Sia l’azienda che il club avevano avviato i colloqui per rinnovare il contratto lo scorso anno, ma senza successo.

Partite della Liga all’estero, dopo gli USA si pensa anche al Messico

Niente più sponsorizzazioni, Telefónica punta sull’offerta televisiva

Da ora in avanti, la strategia di sponsorizzazione della società spagnola nel settore sportivo verterà soprattutto sui diritti televisivi: Telefónica ha infatti acquisito quelli della Champions League per il ciclo 2018-2021, oltre alla licenza di trasmettere la Liga durante il periodo 2019-2022, assieme a Mediapro. In questo modo, Telefónica smetterà di sponsorizzare l’élite calcistica spagnola, ma continuerà a utilizzare il calcio come mezzo commerciale attraverso l’offerta televisiva.