format mondiale 2026 48 squadre incasso pubblicità tv sponsor italia mondiale russia 2018 quanto vale
La Coppa del Mondo Fifa (Insidefoto)

Entrate FIFA Russia 2018 – La Coppa del Mondo FIFA 2018 in Russia ha preso il via solo pochi giorni fa, ma il processo di vendita dei diritti di sponsorizzazione e di trasmissione è stato lanciato molto prima dell’inizio del più grande evento calcistico mondiale.

La precedente Coppa del Mondo, tenutasi in Brasile nel 2014, ha generato 4,8 miliardi di dollari di ricavi per la FIFA, che ha già annunciato che migliorerà queste cifre per un totale stimato di 6,1 miliardi di dollari nel 2018, il 10% in più del previsto.

Tutti gli stadi dei Mondiali in Russia: investiti oltre 5 miliardi

Le entrate derivanti dai diritti di trasmissione dovrebbero superare l’obiettivo di 3 miliardi del 2% e le operazioni di sponsorizzazione hanno generato 200 milioni di dollari in più rispetto agli 1,45 miliardi previsti. KPMG Football Benchmark ha così rivisitato gli accordi di sponsorizzazione e di trasmissione più importanti realizzati per la Coppa del Mondo di quest’anno.

Entrate FIFA Russia 2018 – Il valore delle sponsorizzazioni

Dal punto di vista delle sponsorizzazioni, dopo che marchi affermati come Sony, Emirates, Castrol, Continental e Johnson & Johnson non hanno rinnovato le offerte in scadenza dopo il 2014, le società cinesi sono intervenute sul mercato. Nel Mondiale di quest’anno, 7 dei 19 sponsor sono cinesi. Uno di questi è Wanda Group, primo rango di sponsor della FIFA insieme ad altri nuovi arrivati ​​come Qatar Airways e il gigante petrolifero statale russo Gazprom. Il conglomerato cinese avrà pieno accesso alla pubblicità e al marketing di tutti gli eventi nei prossimi quattro Mondiali, a partire dal 2018.

Fifa, 400 milioni in premi per i Mondiali: ecco quanto incasserà chi alzerà la coppa

Il secondo gruppo di sponsor contiene tre marchi dell’Estremo Oriente. Oltre ai nomi affermati come Budweiser e McDonalds, la FIFA ha nominato Hisense, produttore di TV e frigorifero, Vivo, e l’azienda lattiero-casearia Mengniu come partner di secondo livello. Vivo avrebbe pagato 400 milioni di euro per un accordo di sei anni che comprendeva Russia 2018, Qatar 2022 e la Confederations Cup. Mengniu, la seconda più grande azienda lattiero-casearia del paese, ha ottenuto il diritto di pubblicità aerea in tutte le 64 partite di Coppa del Mondo del 2018.

Anche se la categoria Regional Supporters attrae invariabilmente aziende locali (2018: 4 compagnie russe, 2014 6 brasiliane), ciò non ha scoraggiato le società Yadea, Luci e Diking nel diventare sponsor della Coppa del Mondo. L’impegno della Cina per la Coppa del Mondo in Russia è parte della campagna di sensibilizzazione del paese, in seguito ai commenti del presidente Xi Jinping che vuole che la Cina diventi una superpotenza del calcio entro il 2050.

Entrate FIFA Russia 2018 – Stimati incassi oltre i 3 miliardi

La Coppa del Mondo FIFA è stata trasmessa per la prima volta in televisione nel 1954 ed è ora l’evento sportivo più seguito e seguito al mondo. Le entrate della FIFA per quanto riguarda i diritti tv sono cresciute notevolmente, raddoppiando il 1,2 miliardi nel 2002 a 2,4 miliardi nel 2014.

KPMG Football Benchmark

Per il torneo di quest’anno, i diritti di trasmissione per la competizione 2018 sono stati venduti a un totale di 217 territori in cinque diverse regioni (Africa, Americhe, Asia, Europa e Oceania). La maggior parte dei territori si trova in Europa (55), seguita da vicino dall’Africa (54). In totale, 685 licenziatari hanno acquisito i diritti tv per la Coppa del Mondo di quest’anno. La maggior parte dei licenziatari che hanno acquistato i diritti FIFA provengono dall’Africa (274), seguita dall’Europa (175) con l’Asia che conta solo 59 acquirenti. Ciò è dovuto anche al fatto che tutti i diritti FIFA della Cina sono di proprietà e controllati da CCTV che ha concesso in sublicenza i diritti a solo altre due emittenti.

Entrate FIFA Russia 2018 – Investimenti rischiosi per alcune emittenti

La FIFA ha venduto il primo pacchetto di diritti per la Russia 2018 a BeIn Sport (all’epoca, Al Jazeera) sette anni fa. Da allora, le solite emittenti internazionali hanno ottenuto i diritti tra cui CCTV in Cina, Fox e Telemundo negli Stati Uniti, DirecTV nei Caraibi e l’European Broadcasting Union (EBU) in 37 territori. Per alcuni acquirenti, gli investimenti potrebbero non essere ripagati. Fox Sports avrebbe pagato 400 milioni per acquisire i diritti in lingua inglese per i Mondiali 2018 e 2022 da ESPN / ABC della Walt Disney Co., ma la squadra di calcio statunitense non si è qualificata per il torneo. Lo stesso vale per Mediaset, che ha acquisito i diritti esclusivi per 93 milioni (il Biscione conta però di rientrare ampiamente dell’investimento). Anche la Cina (CCTV), che non partecipa alla competizione, ha pagato tra 300 e 400 milioni per garantire i diritti per il 2018 e il 2022. CCTV ha poi venduto i diritti digitali alle piattaforme di streaming Migu (di proprietà di China Mobile) e Youku (di proprietà di Alibaba).

KPMG Football Benchmark

Anche Telemundo, la rete in lingua spagnola di proprietà di NBCUniversal, ha fatto un grosso investimento. Ha pagato circa 600 milioni per le competizioni 2018 e 2022, superando la Univision Communications Inc., che mandava in onda la Coppa del Mondo dal 1970.

1 COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here