Diritti Tv Mondiali 2022
La Coppa del Mondo Fifa (Insidefoto)

Tra i Mondiali 2014 in Brasile e quelli che si apprestano a partire in Russia sono diminuite di 200 milioni di dollari le entrate versate dagli sponsor alla FIFA, che può però contare su “nuovi” partner sempre più generosi, come la Cina.

Il Mondiale secondo Goldman Sachs: in Russia trionferà il Brasile

Entrate sponsor Mondiali, 1 miliardo e 450 milioni incassati dalla Fifa

Come riporta l’AGI, in base ai dati diffusi da Nielsen alla vigilia dei Mondiali 2018, il massimo organo calcistico ha incassato 1 miliardo e 450 milioni di dollari tra i due eventi, invece del miliardo e 629 milioni incassato tra il 2010 e il 2014. Il 39% degli introiti arriva proprio dal gigante asiatico, mentre sono del tutto assenti a questo giro gli sponsor africani e sudamericani, che si erano mobilitati nel 2010 in Sudafrica e nel 2014 in Brasile.

informazioni viaggio russia 2018 biglietti mondiale 2018 russia diritti tv

Entrate sponsor Mondiali, la Cina padrona della scena

Si stanno modificando gli equilibri economici mondiali, e di conseguenza anche la geografia del calcio e degli sponsor. Dopo lo scandalo corruzione, che nel maggio 2015 ha trascinato l’istituzione mondiale del calcio e storici sponsor, tra cui Johnson & Johnson, Castrol e Continental, sono entrati in scena quelli cinesi. Oggi la più importante firma commerciale cinese, Wanda Group, è uno dei sette partner ufficiali della Fifa accanto a Coca Cola, Adidas, Gazprom, Qatar Airways, Visa e Hyundai/Kia. La Cina sara’ presente ai mondiali Russia 2018 anche con le firme Hisense (TV e frigo), Vivo (smartphone) e Mengniu (latticini). La Mengniu ha persino ottenuto i diritti esclusivi di vendere bevande allo yogurt e gelati negli stadi russi. Inoltre la compagnia “In Front Media”, di proprietà della Wanda, possiede i diritti di trasmissione relativi alle gare dei Mondiali 2018 e 2022 in 26 paesi asiatici.

FIFA, sospesa l’idea di un Mondiale a 48 squadre in Qatar

Entrate sponsor Mondiali, sempre in crescita il valore assoluto del torneo

Del resto i numeri del calcio in Cina sono da capogiro: Pechino intende costruire 70 mila campi entro il 2020 per soddisfare il crescente interesse per il pallone del 32% della popolazione urbana e per poter un giorno ospitare i Mondiali. Nonostante il calo delle entrate dagli sponsor registrato tra il 2014 e il 2018, per la Fifa la tendenza è molto positiva: i suoi introiti sono raddoppiati rispetto al periodo 1999-2002. Il valore commerciale assoluto della Coppa del Mondo di calcio è costantemente aumentato e la direzione prevede un effetto rilancio in vista del prossimo appuntamento in Qatar nel 2022, che farà entrare nel calderone degli sponsor note aziende del Medio-Oriente, e ripercussioni positive in termini di immagine grazie alle riforme introdotte nel 2016 dal nuovo presidente, Gianni Infantino.