dove vedere Tottenham-Inter
Esultanza dei giocatori dell'Inter (Foto Antonello Sammarco / Insidefoto)

Inter quanto vale qualificazione Champions – L’Inter torna in Champions League. Sette anni dopo l’ultima partecipazione, il club nerazzurro ha centrato il quarto posto con una rimonta nello scontro diretto con la Lazio: il decisivo gol di Vecino vale oltre 30 milioni di euro.

In attesa che l’Uefa definisca i dettagli della ripartizione per il triennio 2018/21, si possono fare le prime stime dei possibili ricavi. Una qualificazione che incide su due diversi bilanci: da un lato, quello che si chiuderà il 30 giugno 2018 per effetto dei diversi bonus, dall’altro però soprattutto per l’esercizio 2018/19.

Partiamo dai bonus per le sponsorizzazioni, relativi all’esercizio 2017/18: oltre a quelli “minori” come Volvo e Bwin (i cui bonus valgono rispettivamente 150mila e 100mila euro), le cifre maggiori dovrebbero derivare da tre accordi, cioè quelli con Suning, Pirelli e Nike.

Da Pirelli a Suning, ecco quanto valgono tutte le sponsorizzazioni dell’Inter

Per quanto riguarda la sponsorizzazione della divisa di allenamento e la cessione dei naming rights della Pinetina a Suning, l’accordo vale 16 milioni di euro annui come base, con bonus legati alle prestazioni: l’Inter aveva incassato (a cui se ne aggiungono altri 1,1 milioni per i risultati della Primavera, che possono salire a 1,6 in caso di vittoria dello scudetto) al termine del girone d’andata. La cifra per il bonus relativo al quarto posto non è specificata nei documenti allegati all’emissione del bond, ma dovrebbe aggirarsi sui tre milioni.

Per la stagione in corso, la società nerazzurra si attende ricavi per 10,1 milioni di euro da Pirelli: la qualificazione alla Champions League fa scattare bonus che, complessivamente, possono valere fino a 13 milioni di euro. E bonus scatteranno anche nel contratto con Nike, la cui cifra base per la stagione 2017/18 tuttavia sarà di soli 3,75 milioni di euro.

Inter quanto vale qualificazione Champions, l’impatto nel 2019

L’impatto maggiore, dicevamo, sarà per la prossima stagione. «La differenza con l’Europa League mi dicono essere di 40 milioni per i gironi, poi i numeri cambiano se vai avanti come successo alla Roma», ha spiegato il ds nerazzurro Piero Ausilio ai microfoni di Radio anch’io Sport su Radio 1.

Innanzitutto, anche in questo caso, i bonus: Suning garantisce bonus a partire dalla qualificazione alla fase ad eliminazione diretta.

Champions League
Zona Champions prima della pausa invernale 3.500.000
Qualificazione fase eliminazione diretta 1.500.000
Quarti di finale 1.000.000
Semifinale 2.000.000
Finale 5.000.000
Vittoria Champions League 2.500.000

Bonus previsti anche nei contratti di Nike e Pirelli (in quest’ultimo caso, possono arrivare fino a 13 milioni di euro), mentre centrare la qualificazione in Champions in due anni consecutivi farà scattare un bonus del 10% nel contratto con Beijing Yixinshijie Culture Development (che passerà quindi da 30 a 33 milioni annui garantiti).

La fetta maggiore, tuttavia, restano i premi Uefa, per i quali la federcalcio continentale deve ancora ufficializzare i criteri. Tra le certezze, salirà a 15 milioni (dai 12,7 milioni attuali) il bonus per la sola qualificazione alla fase a gironi della Champions League, cifra alla quale andranno aggiunti i premi per il ranking storico: quest’ultimo, se venissero confermate le anticipazioni della Gazzetta dello Sport di alcune settimane fa, potrebbe valere oltre 20 milioni.

Inter quanto vale qualificazione champions
L’esultanza dei giocatori dell’Inter dopo la vittoria con la Lazio (Foto Antonello Sammarco / Insidefoto)

Il tutto senza considerare il market pool (che dovrebbe avere un peso inferiore passando dai 580 milioni totali del triennio 2015-2018 a circa 300 nel ciclo 2018-2021) e i bonus legati ai risultati: solo questi ultimi possono valere fino a 82 milioni di euro.

2015-2018 2018-2021
Pareggio nella fase a gironi 0,5 0,9
Vittoria nella fase a gironi 1,5 2,7
Qualificazione agli ottavi 6 9,5
Qualificazione ai quarti 6,5 10,5
Semifinali 7,5 12
Finalista (sconfitta) 11 15
Campione d’Europa 15,5 19
Dati in milioni di euro

Cifre alle quali andrà aggiunto anche il botteghino: per le tre gare casalinghe della fase a gironi, l’Inter si aspetta incassi importanti.

3 COMMENTI

  1. l’obiettivo primario è quello di restare costantemente tra le prime 4 in campionato, così da continuare a qualificarsi portandosi a casa ricavi a discapito di avversari…
    Quasi quasi per questo primo anno conviene di più sperare in un girone difficile che porta spettatori, cercare di arrivare terzi e andare avanti un pò in Europa League per aumentare il ranking (e magari avere anche qualche possibilità di vincerla).
    Anche passando il turno sarebbe poi difficile arrivare ai quarti…

    • Per il bonus del ranking storico è sempre meglio rimanere più a lungo possibile in Champions League. I punteggi derivanti dall’avanzamento in Champions dovrebbero (ancora da definire) essere superiori a un avanzamento maggiore in Europa League.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here