inter suning appiano
(foto CF - Calcioefinanza)

Nuovo centro sportivo Inter – Niente da fare per l’Inter e per il suo progetto di realizzare il nuovo centro sportivo nell’area di piazza d’Armi a Milano. Il club nerazzurro è rimasto scoraggiato a causa dei costi, ritenuti troppo elevati e dalla eccessiva burocrazia. Per questo motivo la società ha deciso di non presentare un’offerta per l’acquisto dell’area interessata, il cui avviso pubblico di vendita scadeva ieri.

Inter, Gandler: «Vogliamo rimanere a San Siro: è la nostra casa»

Nuovo centro sportivo Inter, salta il progetto di piazza d’Armi

Secondo quanto riportato da “La Gazzetta dello Sport”, l’Inter aveva preparato un progetto preliminare per il nuovo centro sportivo che avrebbe sostituito quello di Appiano Gentile. Ma ad Invimit, proprietario del terreno, non è stata presentata l’offerta di 20 milioni su cui c’era già un accordo di massima. A scoraggiare i nerazzurri sono stati i costi – che si sarebbero aggirati attorno ai 100 milioni – e soprattutto la burocrazia. Costruire su quei terreni avrebbe necessitato infatti di una variante urbanistica. L’Inter ha quindi ritenuto e valutato inappropriate le condizioni d’acquisto nelle quali le responsabilità delle operazioni di bonifica e riqualificazione dell’area ricadevano in toto sulla società stessa.

«Ci saremmo aspettati un’offerta di acquisto da parte della società FC Internazionale Milano per Piazza d’Armi, come da essa stessa anticipato alcuni mesi fa. Ma considerato il mancato interesse al confronto competitivo concluso ieri – ha commentato Massimo Ferrarese, presidente di Invimit, proprietaria del terreno, in una nota – da subito partirà un’azione di valorizzazione più incisiva per quest’area. Questo passo indietro – aggiunge – ci porterà ad accelerare e rafforzare la nostra azione che era già iniziata liberando i magazzini dagli occupanti abusivi, aggiudicando la bonifica dell’intera area e programmando per i prossimi giorni i lavori di demolizione dei fabbricati fatiscenti. Immediatamente – conclude Ferrarese – avvieremo un’interlocuzione serrata con i vertici del Comune di Milano per individuare le destinazioni più appropriate per l’intero compendio nell’ambito della prossima revisione del PGT».

Tuttavia, resta in piedi il progetto del club nerazzurro di spostare il centro sportivo da Appiano Gentile ad una zona più centrale a Milano. Il club sta valutando diverse altre zone in città e nell’hinterland, in attesa di decidere su quale virare con maggiore interesse. E resta in ballo anche la questione sede: negli scorsi mesi, la società nerazzurra aveva già mosso i primi passi per spostarsi dalla sede attuale in Corso Vittorio Emanuele, modificando ad esempio le procedure da statuto.

Suning modifica le procedure da statuto per cambiare la sede dell’Inter