diritti tv
(Insidefoto)

I sindacati confederali chiederanno un incontro con i vertici di Sky e Mediaset dopo che il gruppo spagnolo Mediapro si è aggiudicato i diritti tv della Serie A per il triennio 2018-2021. Lo riporta l’agenzia Reuters sul proprio sito web.

I sindacati temono infatti ricadute sull’occupazione nelle due emittenti, in particolare per Sky.

«La decisione della Lega ieri ha colto di sorpresa tutti, anche se era nell‘aria. E’ chiaro che questa situazione costituisce un elemento di novità rispetto al mercato tv premium nazionale e ci spinge ad accelerare la richiesta di informazioni sia a Sky sia a Mediaset», ha spiegato alla Reuters Pierpaolo Mischi, segretario nazionale con delega all‘emittenza di Uilcom-Uil.

Mediapro potrà produrre per poi rivendere in lotti a soggetti terzi, dalle pay tv agli operatori internet, tutte le 380 partite l‘anno del campionato.

Sky, che oggi trasmette tutta la Serie A su piattaforma satellitare, ha inizialmente diffidato tramite i propri avvocati la Lega dall‘assegnare i diritti all‘agenzia spagnola, salvo poi aprire al dialogo con Mediapro di fronte alla prospettiva che quest’ultima non produrrà direttamente la tv della Lega calcio.

Dal canto suo, Mediaset, che attualmente trasmette sulla pay tv Premium le principali otto squadre del massimo campionato, si è detta disponibile ad ascoltare la proposta di Mediapro.

«Ci preoccupano più le possibili ricadute per Sky perché se non riesce a entrare nei diritti del calcio nazionale come potrà sostenere il numero degli abbonati nei prossimi anni?», si chiede Mischi che sottolinea come per il broadcaster che fa capo a Rupert Murdoch è a «rischio la sopravvivenza e la stabilità aziendale e occupazionale».

Per quanto riguarda Premium, invece, il Biscione recentemente ha adottato un approccio opportunistico verso le aste dei diritti sostenendo che la pay tv possa andare avanti anche senza il calcio. Per questa ragione Mischi vede un impatto più contenuto. Anzi, come rileva un broker italiano, un eventuale accordo di distribuzione sul digitale terrestre potrebbe portare margini addizionali e senza rischi eccessivi per Mediaset.

Conduttori, telecronisti, opinionisti tv: chi rischia con la Serie A a Mediapro

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here