Il miliardario di Singapore Peter Lim e i calciatori della “Class of ’92”, in particolare Gary Neville e Ryan Giggs, hanno pronto un piano d’azione straordinario per l’apertura di 25 nuovi hotel a tema calcistico in tutta l’Asia ed Europa nel prossimo decennio.

La Rowsley, società immobiliare controllata da Peter Lim, che possiede tra l’altro la squadra di calcio del Valencia è infatti in trattative con potenziali partner commerciali per sostenere l’espansione della struttura.

Neville Giggs Hotel football cafe piano espansione 25 aperture

Hotel Football – che come riportato da CF – calcioefinanza.it è stato recentemente premiato come miglior albergo d’affari in Inghilterra – supporta al suo interno anche il format di Cafè Football, una catena di ristorazione che dopo la prima apertura a Manchester (di fronte a Old Trafford) e Londra punta al raddoppio a Manchester (al Museo del Football) e nel primo trimestre del prossimo anno aprirà pure a Singapore.

Neville Giggs Hotel football cafe piano espansione 25 aperture
L’Hotel Football con vista su Old Trafford

Neville, che è il più direttamente coinvolto negli affari con Lim (e grazie a questo era diventato nello scorso anno anche allenatore del Valencia), ha dichiarato che l’obiettivo è quello di arrivare a 5.000 camere nei prossimi 10 anni.

Il format è molto chiaro: puntare su città in cui c’è una forte passione per il calcio e dove quindi si possono attirare grandi folle in occasione delle partite. Anche per questo da tempo si parla di un investimento simile a quello di Old Trafford vicino al Mestalla di Valencia.

Neville Giggs Hotel football cafe piano espansione 25 aperture

Neville ha anche fatto sapere che diverse opportunità di partnership si sono presentate, ma vista la mole di richieste in questa fase si stanno filtrando le opportunità per individuare le migliori.

L’obiettivo naturalmente è quello di aprire in Asia, in particolare in Cina, Malesia, Singapore, Thailandia e Indonesia.

Tan Wee Tuck, direttore finanziario di Rowsley, ha detto che la società sta cercando di finanziare l’espansione attraverso capitali e ricorso all’indebitamento.

Mr. Lim ha già esperienza nel settore avendo lanciato molti anni fa le caffetterie a tema Manchester United in Asia. Attualmente non è in rapporti con la società di Old Trafford, anzi: nel 2010 non è riuscito ad acquistare il Liverpool venendo sopravanzato da Fenway Sports Group, attuale proprietario dei Reds.

Va notato infine che il calo post-referendum della sterlina ha facilitato gli investimenti nel Regno Unito dell’azienda di Singapore, che ha anche investito a Manchester nella costruzione di due grattacieli nel centro storico di Manchester.