videogioco ibrahimovic
Zlatan Ibrahimovic nella sua ultima partita con la Svezia (Insidefoto)

A Zlatan Ibrahimoc di Parigi manca lo stipendio, ma dal Parc des Princes gli arriva una brutta sorpresa: una trattenuta del 30% sull’ultima tranche dell’ingaggio. Sarebbe questa la scelta della squadra francese per regolare una vecchia questione fiscale che risale al 2012, quando lo svedese lasciò il Milan per approdare all’ombra della Tour Eiffel. Secondo quanto riporta il quotidiano Transalpino “L’Equipe”, ai tempi del trasferimento di Zlatan il PSG aveva fatto mettere per iscritto che il giocatore era tenuto a rimborsare l’importo delle tasse che il club aveva versato all’Italia per regolare i rapporti tra lui e il Milan.

Ma Ibra, secondo quanto risulta all’Equipe, non avrebbe mai restituito nei suoi quattro anni francesi la somma che da accordi spetterebbe al PSG. E allora la società avrebbe deciso di affidarsi a maniere drastiche, ma certe: trattenuta del 30% sull’ultima tranche di stipendio, almeno fino a quando il numero nove del Manchester United non riesca a regolare i conti lasciati in sospeso a Parigi.

Il PSG ha permesso a Ibrahimovic di essere per anni tra i più pagati calciatori al mondo. Nel 2015 era al quarto posto, preceduto solo da Messi, CR7 e Neymar: guadagnava 20mln di euro all’anno.Con il Manchester United il suo stipendio dovrebbe essere più basso e toccare i 13 milioni di euro all’anno. Ma ormai il calciatore è grande e può accontentarsi di uno stipendio più modesto.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here