Catania salta trattativa – “Poichè il presidente Pulvirenti, con le sue esternazioni, sembra intenzionato a proseguire nella gestione del Calcio Catania, gli imprenditori che si erano messi a disposizione per rilevare la società rossazzurra ritengono non più necessario un loro intervento”.

Lo afferma in una nota l’assessore Giuseppe Girlando, delegato dal sindaco di Catania Enzo Bianco a seguire la trattativa, dopo un incontro con gli imprenditori che avevano partecipato alla riunione indetta nei giorni scorsi in municipio.

Tutto quindi saltato, dopo un solo giorno. Il 20 luglio Pulvirenti aveva rivelato che il club era in vendita e che era pronta una cordata di imprenditori: “In tutti sono una quindicina, guidati dall’assessore comunale Girlando. Speriamo di raggiungere un accedo con questa cordata o con una eventuale che dovesse presentarsi, ma se il Catania non dovesse trovare acquirente, allora andremo avanti in dirigenza nuova, allenatori nuovi e giocatori nuovi. Riprenderemo la strada che e’ stata interrotta per una mia debolezza”. 

“Fino ad un’eventuale cessione la proprietà andrà avanti ricostruendo tutto da zero. Saranno persone di mia fiducia a gestire e dirigere la società. La gestione mia e di Cosentino è stata fallimentare“, aveva chiarito sempre ieri Pulvirenti, presentando anche il progetto del nuovo stadio: Pulvirenti prima di congedarsi dalla conferenza stampa ha presentato il progetto del nuovo stadio: “Questo è patrimonio del Catania, la nuova cordata potrà tenerlo in considerazione oppure cestinarlo. Io lo presento perche’ per un anno un pool di architetti ci ha lavorato“.