Ogni minuto, ogni secondo, ogni sfida, ogni vittoria“. Con questo slogan si apre un altro spot, diretto da Marie Schueller, di New Balance, in cui i protagonisti sono i maggiori testimonial che l’azienda statunitense ha attualmente nel calcio: Jesus Navas, Vincent Kompany, Marouane Fellaini, Sami Narsi, Adnan Januzaj e Fernando. E tutto con un senso, perché da quando NB ha ufficialmente manifestato la volontà di entrare nel mondo dello sport più popolare al mondo, la nota multinazionale americana ha modellato una strategia nella quale non è mancato nemmeno il coinvolgimento dei fans e degli appassionati.

La strategia marketing di Nb coinvolge club e testimonial individuali

Nel giro di pochissimo tempo infatti NB ha messo sotto contratto club di primo piano come il Liverpool (contratto a cifre record), il Siviglia e il Celtic, strappando poi il Porto a Nike per cederlo poi a Warrior, marchio controllato: quattro club per quattro dei maggiori campionati del Vecchio Continente (manca solo l’Italia). Come inizio non è male. Poi è toccato agli ambasciatori individuali, coinvolti a ripetizione in spot pubblicitari di grande effetto, e, infine, come detto, non poteva mancare l’immancabile tassello “sociale”, inteso come legame con il pubblico e con i maggiori social network, in cui il collante è un hastag o un video o un’iniziativa promozionale.

NB sta investendo decine di milioni nelle sponsorship del calcio

Tutto questo affinché il nome NB non rimanga ancorato solamente, nell’immaginario collettivo, all’abbigliamento sportivo di tutti i giorni ma sia identificato sempre più come autorevole firma anche nel mercato del calcio. E’ per questo che New Balance sta investendo decine di milioni in sponsorizzazioni tecniche e campagne marketing  sempre molto articolate.

Ogni minuto, ogni secondo, ogni sfida, ogni vittoria è una frase infatti che, tra le righe, sottolinea gli sforzi che la marca Usa sta compiendo per diventare “grande”, anche nel football europeo. Per vedere la prima collezione di scarpe da gioco bisognerà attendere luglio, ma il marketing ormai assottiglia il tempo e riduce le distanze tra ciò che è reale e ciò che ancora non lo è: e con molta probabilità, visti i presupposti, l’avventura di NB nel calcio sarà vincente.

PrecedenteTurkish Airlines-Uefa, possibile accordo
SuccessivoInter, Twitter verrà usato per tornare a riempire San Siro
Nato a Roma nel 1984, dopo la facoltà di Scienze Politiche il salto nel giornalismo sportivo con una collaborazione triennale con Canale Inter.