Crisi Parma – Manenti aveva tempo fino alla mezzanotte dì ieri per evitare i 5 punti di penalizzazione in campionato, un -2 per l’insolvenza di novembre e -3 per la recidiva, che verranno scontati o in questa stagione o nella prossima, e, invece, il neo patron del Parma non è riuscito a far arrivare i soldi necessari per coprire le insolvenze del club emiliano.

“I bonifici sono in viaggio e arriveranno in tempo”. Così aveva rassicurato ieri Manenti a chi non credeva che i ducali sarebbero riusciti a risolvere i loro problemi finanziari. Anche Fiorenzo Alborghetti, l’uomo delle cartiere Pigna che sta aiutando il patron di Mapi a salvare il Parma Calcio dalla possibile messa in mora, aveva creduto alle sue promesse. A Calcio&Finanza Alborghetti ha dichiarato che Manenti lo aveva rassicurato dell’arrivo dei bonifici. “Mi ha assicurato che i soldi stanno arrivando. Dobbiamo solo aspettare i tempi della burocrazia bancaria“. Quando, invece, gli diciamo che a Collecchio è arrivato l’ufficiale giudiziario per il pignoramento dei beni Alborghetti risponde: “Io ne so quanto voi. Se è arrivato l’ufficiale giudiziario stiamo parlando di cose vecchie e non legate alla nuova proprietà. Io sono come San Tommaso, ma se Manenti non rispettasse ciò che ha detto in conferenza stampa bisognerebbe prenderlo e portarlo via. Io credo che lui stia lavorando per salvare il Parma”.

Oggi ci sarà un incontro tra l’AIC e i giocatori del Parma per capire come agire nei confronti del club emiliano. Manenti è certo che i calciatori non chiederanno la messa in mora, ma se oggi non arriveranno i bonifici la situazione si fa molto complicata. “Stiamo lavorando per ricostruire la società“, ha aggiunto Alborghetti. “Il mio compito è quello di mettere in condizioni Manenti di lavorare bene. Avere delle solide basi sulle quali portare avanti il nuovo progetto. Io mi fermò lì, il resto lo dovrà fare lui”.

PrecedenteRizzoli approva la goal line technology: “Votammo Albertini, ma non siamo contro Tavecchio”
SuccessivoTycoon o bluff? La stampa italiana si divide su Taechaubol
Alberto Lattuada è nato a Milano e da sempre è appassionato di calcio e finanza. Ha scritto per diversi siti specializzati nel mondo del calcio e del forex. Dal novembre 2013 dedica anima e corpo allo sviluppo e alla crescita del portale CalcioeFinanza.it