“L’Atalanta vuole crescere e per crescere ha bisogno di uomini in gamba e d’esperienza. Per questo abbiamo preso Giovanni Sartori“. Il presidente nerazzurro Antonio Percassi ha presentato così il nuovo direttore tecnico, artefice del ‘miracolo’ Chievo. A spingere per l’arrivo di Sartori è stato Pierpaolo Marino, come sottolinea il numero uno del club bergamasco: “Il dg Marino l’ha voluto, e così abbiamo costituito una coppia formidabile, una garanzia per il presente e per il futuro”.

Una risposta implicita, quella del presidente, a chi aveva ipotizzato un’uscita di scena di Marino l’anno prossimo. Sartori invece ha manifestato grande entusiasmo per questa nuova esperienza: “Avevo già preso le ferie per la prima volta in tanti anni perchè dopo l’addio al Chievo non pensavo di rientrare tanto presto. Ma il presidente Percassi ha insistito perchè accettassi questo progetto. Non ci ho pensato su troppo e ho detto si. Con Marino c’è grande sintonia, lavoreremo in tandem per ottenere i migliori risultati. Ringrazio il Chievo e il presidente Campedelli, sono stati anni bellissimi. Ora però penso solo all’Atalanta».

Il suo compito sarà quello di “andare in giro per trovare i giocatori giusti. Il mercato è già impostato, per cui potremo concentrarci già sui prossimi obiettivi”. Sartori ha portato in dote otto osservatori del Chievo: un gruppo che lo aiuterà nell’attività di scouting. Pierpaolo Marino si è detto “felice per l’arrivo di Giovanni, che è un amico: lavoreremo in sinergia. Lo meritano l’Atalanta e la famiglia Percassi: non tradirò mai l’impegno che mi lega a questa società”.

Percassi ha poi prontamente smentito le presunte tensioni con il dg a proposito del ritardato rientro di German Denis dal Sudamerica: “Denis è rimasto in Argentina perchè suo figlio è nato prematuro e ha avuto seri problemi. Tutto qui. Ciò che è stato scritto di diverso è falso e vergognoso”.

Fabio Colosimo