Novità Coppa Italia, niente supplementari fino ai quarti di finale dal 2024/25

Dalla prossima stagione i tempi extra si giocheranno solo in semifinale e in finale. Ecco cosa dice il regolamento sui supplementari.

Supplementari Coppa Italia
(Foto: FILIPPO MONTEFORTE/AFP via Getty Images)

Non soltanto gli accoppiamenti fino alla finale della competizione. La Coppa Italia sarà investita da un’altra importante novità a partire dalla prossima edizione, come si evince dal regolamento del torneo che sarà valido dalla stagione 2024/25 alla stagione 2026/27 (un ciclo in cui le partite saranno ancora un’esclusiva Mediaset).

Si tratta dell’eliminazione dei tempi supplementari per tutte le partite in gara unica, che andranno dunque dal turno preliminare ai quarti di finale. Come si legge nel regolamento, al termine dei 90’ regolamentari, «risultando pari il numero di reti segnate, l’arbitro provvede a far battere i tiri di rigore, con le modalità previste dal “Regolamento del Giuoco del Calcio” al paragrafo: “Procedure per determinare la squadra vincente di una gara”».

Supplementari Coppa Italia – Le sfide che andranno subito ai rigori

La specifica è indicata per tutte le partite che si disputeranno dal turno preliminare in avanti, e dunque i seguenti incontri:

  • Turno preliminare
  • Trentaduesimi di finale
  • Sedicesimi di finale
  • Ottavi di finale
  • Quarti di finale

Supplementari Coppa Italia – Nessuna novità per semifinali e finale

Non cambierà nulla invece per quanto riguarda le semifinali e la finale. In questi casi, «risultando pari il numero complessivo di reti segnate nelle due partite, le squadre devono disputare due tempi supplementari della durata di 15 minuti ciascuno. Perdurando la parità l’arbitro provvede a far battere i tiri di rigore, con le modalità previste dal “Regolamento del Giuoco del Calcio” al paragrafo: “Procedure per determinare la squadra vincente di una gara”».