Nuovo San Siro, il professor Fenyves: «Lavori a step e posti più comodi»

Il responsabile del progetto dello studio Arco Associati: «Sono previsti impianti smart, una grande copertura per il controllo acustico e anche il ridisegno dell’area circostante».

progetto san siro arco associati
Il rendering dell'interno di San Siro pensato da Arco Associati (Photo by Arco Associati)

Lo studio Arco Associati ha presentato un progetto, sponsorizzato dal capogruppo di Forza Italia Alessandro De Chirico, al sindaco di Milano Giuseppe Sala e questo sarà presentato durante l’evento del 31 gennaio organizzato dalla Commissione al lavoro per cercare di mettere in campo l’idea migliore per garantire a Inter e Milan un futuro al Meazza.

Progetto nuovo San Siro – I dettagli spiegati dal responsabile

«Siamo allo studio preliminare, ovviamente sarebbe disegnato sulla base delle esigenze dei club, i posti vip possono diventare 5mila o 8mila a seconda delle tipologie di poltrone o salotti – spiega il professor Giulio Fenyves all’edizione odierna del La Stampa -. Sono previsti impianti smart, poltrone più comode dal primo al terzo anello, grande copertura per il controllo acustico degli eventi musicali. Nel progetto è compreso anche il ridisegno dell’area circostante, con un grande parco dello sport, aree gioco, due edifici «totem» gemelli che potrebbero contenere gli headquarter di Milan e Inter, collegati con passaggi sotterranei all’impianto vero e proprio. E l’edificio-biglietteria intorno al Meazza è più moderno della cancellata».

Per quanto riguarda i lavori e il vincolo: «Il restyling potrebbe essere realizzato in più step, il primo entro il 2026 per le Olimpiadi e per festeggiare il centenario del Meazza. Il vincolo? La sovrintendenza viene vista come una vecchia strega ed è invece l’ultima grande istituzione che cerca di evitare l’autodistruzione del Paese, tutelare San Siro è ovvio».

Fenyves ha aggiunto qualche altro dettaglio del progetto durante un’intervista al TGR Lombardia: «Ci saranno dei lavori anche per la città che comprendono un grande parco pubblico, attività commerciali e due torri che ospiteranno uffici e servizi. È presente un anello aggiuntivo a doppio livello all’altezza del primo con postazioni vip e la costruzione di ristoranti e bar con una moderna sala stampa».

Progetto nuovo San Siro – Il commento del sindaco Sala

Il sindaco Sala ha già visionato il progetto e ha precisato: «Non è il progetto che il Comune ha scelto ma è un piano che considero interessante. Le società dall’inizio si sono opposte all’idea di ristrutturare San Siro perché sostenevano che c’era il rischio di andare a giocare lontano per 2-3 anni. Se c’è una soluzione che permette di giocare perdendo pochissima capienza va esaminata con grande interesse»