PIF investe ancora in Inghilterra: rilevato il 10% dell'aeroporto di Heathrow

Il fondo, già proprietario del Newcastle in Premier League, prosegue la propria “spesa” nel Regno Unito.

PIF investimento Heathrow

Il Public Investment Fund dell’Arabia Saudita (PIF) prosegue la propria “spesa” in Inghilterra. Dopo essere entrato nel mondo del calcio con l’acquisizione del Newcastle in Premier League, il fondo sovrano ha annunciato – secondo quanto riporta Reuters – di avere rilevato una partecipazione del 10% nell’aeroporto londinese di Heathrow.

L’operazione segue la dismissione da parte del colosso spagnolo delle infrastrutture Ferrovial della sua quota del 25% nell’aeroporto più trafficato d’Europa. Oltre alla quota al Fondo saudita per gli investimenti pubblici (PIF) un altro 15% sarà acquisito dalla società francese Ardian, che ha già avuto esperienze nel campo dell’aviazione con un precedente investimento nell’aeroporto londinese di Luton e l’acquisto di quote significative in sei scali italiani.

Ferrovial era il maggiore azionista dell’aeroporto dal 2006 e l’operazione dovrebbe portare quasi 2,4 miliardi di sterline nelle casse del gruppo che già dal 2022 aveva ventilato la possibilità di vendere la propria partecipazione in seguito alla forte ripresa del numero di viaggiatori. A ottobre sono stati 7 milioni i passeggeri transitati sullo scalo londinese con una crescita del 19% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso.

Il fondo saudita – che ha una dotazione di oltre 700 miliardi di dollari – seguirebbe l’iniziativa della Qatar Investment Authority, che è già azionista di FGP Topco, la holding di Heathrow. Il fondo PIF è controllato dal principe ereditario Mohammed bin Salman Al Saud, il cui governo è stato oggetto di accuse di violazioni dei diritti umani.