Effetto Sinner: Milano punta a ospitare le finali di Coppa Davis

L’attuale accordo con la città di Malaga scade nel 2024 e la FITP vuole accaparrarsi un altro grande evento tennistico dopo le ATP Finals di Torino.

Coppa Davis 2025 Milano
(Foto: JORGE GUERRERO/AFP via Getty Images)

L’effetto Jannik Sinner, finalista delle ATP Finals, numero quattro al mondo e grandissimo protagonista della vittoria dell’Italia in Coppa Davis, non vuole essere sprecato dalla federazione italiana tennis e padel, che ha visto già crescere il numero di giovani iscritti dopo le imprese del giovanissimo campione.

Come riporta l’edizione odierna de La Repubblica, dopo l’accordo che permette a Torino di ospitare le ATP Finals, c’è un’altra grandissima opportunità per l’Italia, e specialmente per Milano, quella di essere la sede delle future edizioni delle finali di Coppa Davis a partire dal 2025, quando scadrà l’accordo con la città di Malaga. Un’opzione che la FITP sta valutando con grandissima attenzione e che darebbe un ulteriore impulso al movimento nazionale che in Lombardia ha visto nel 2023 un incremento del 13,2% dei tornei organizzati e un +2,8% per i tesserati solo tennis per un totale di 50.699 di iscritti.

Milano, inoltre, ha già ospitato le Next Gen ATP Finals, che hanno visto vincitore Jannik Sinner nel 2019, la prima edizione nel capoluogo lombardo, mentre le prime due edizioni si sono giocate a Rho, nella provincia milanese. Ora, invece, e fino al 2027 i migliori giovani talenti del tennis si affronteranno a Gedda in Arabia Saudita, Paese sempre più protagonista dei grandissimi eventi sportivi globali e da pochissimo scelto per ospitare l’Expo nel 2025 nella propria capitale, Riad.

Coppa Davis 2025 Milano – Il possibile indotto economico sulla scia delle Finals a Torino

Il presidente della FITP, Angelo Binaghi, al termine delle ATP Finals di quest’anno a Torino ha ufficializzato i numeri dell’evento, che dimostra come sia importantissimo anche per Milano avere un grandissimo evento tennistico a livello mondiale, con la speranza di avere l’Italia come protagonista in campo. Per esempio, l’impatto economico complessivo è stato di 306,3 milioni di euro, mentre per il territorio è stato di 266 milioni. Creando beneficio per il movimento, sia nazionale che regionale, e anche per le attività collaterali: hotel, ristoranti, bar, negozi e mezzi di trasporto. Le Finals durano otto giorni di gare, mentre la Davis sei. Le stime quindi possono essere molto simili.

La sede della Coppa Davis a Milano potrebbe essere il maxi impianto di Santa Giulia, che ieri ha visto la posa della prima simbolica pietra e deve essere completato per le Olimpiadi invernali di Milano-Cortina 2026. Ovviamente per essere il teatro della Davis 2025 si dovrebbe procedere abbastanza spediti con i lavori e quindi per la prima edizione si può pensare al Forum di Assago, casa dell’Olimpia e grande contenitore di eventi sportivi e non e che ha ospitato l’ultima finale di Davis che ha visto coinvolta l’Italia, ovviamente prima del grandissimo successo contro l’Australia di quest’anno.