Non solo Wi-Fi, Sky sbarca nella telefonia mobile: l'offerta dal 2024

Continua lo sviluppo dell’offerta della televisione satellitare di Comcast che, con la guida di Andrea Diulio, è pronta a entrare nel mercato dei telefonini con l’ausilio di Fastweb.

Sky mobile offerta
Andrea Duilio (Foto: ufficio stampa Sky)

Sky, la televisione satellitare controllata dal colosso statunitense Comcast, ha festeggiato i 20 anni di attività sul mercato italiano, e ha deciso di sviluppare il proprio business lanciandosi anche nel settore della telefonia con Sky mobile. Il gruppo ha annunciato nella giornata di oggi il lancio di una partnership ufficiale con Fastweb per la creazione di «un’offerta mobile affidabile, veloce, trasparente e a un prezzo vantaggioso».

A guidare Sky Italia in questa nuova avventura è l’amministratore delegato Andrea Duilio, che ha vissuto gran parte della sua carriera lavorativa alla guida di Vodafone, prima della chiamata di Comcast. Questa nuova avventura nel mondo della connettività ha come modello, nemmeno tanto nascosto, quello della casa madre USA. Comcast è il maggiore operatore americano via cavo, offre servizi telefonici ma è anche uno dei media più rilevanti al mondo, un brand per tutti: la Nbc Universal è parte integrante del gruppo. Tv a pagamento, connessione wi-fi e adesso connessione per gli smartphone.

Sky mobile offerta – Il gruppo al lavoro con Fastweb

«Rendiamo la vita più facile alle famiglie, ai nostri clienti – ha dichiarato Duilio a Il Corriere della SeraSono molti i clienti che vogliono sia la banda larga che il mobile e noi vogliamo essere un punto di riferimento per le famiglie Sky, anche per tutte le esigenze di connettività. Abbiamo un partner tecnologico con il quale lavoriamo da tempo, Fastweb. È stato naturale pensare a loro per completare la nostra strategia e siglare un accordo per lanciare nei primi mesi del 2024 Sky Mobile. Così insieme a Sky Wifi, in forte crescita, completiamo la nostra offerta».

«Il nostro core business è e resterà senza dubbio la tv, ma abbinando contenuti e tecnologia, innovazione e connettività – ha continuato il numero uno di Sky Italia -. È naturale che le persone inizino a diventare più selettive con il moltiplicarsi delle offerte. Per questo saranno la qualità dei contenuti e l’esperienza di fruizione a fare sempre di più la differenza. Ma noi facciamo una cosa in più: investiamo nell’industria culturale del nostro Paese. Non tutti gli operatori sul mercato hanno speso 280 milioni solo nell’ultimo anno in produzioni italiane, con una crescita del 35% negli ultimi tre anni. Con Vision Distribution, insieme a cinque tra le principali case di produzione indipendenti, stiamo puntando molto sul cinema italiano, per valorizzare i talenti e le storie del nostro Paese. Ad esempio, l’ultimo film di Paola Cortellesi, un vero e proprio manifesto civile, è distribuito da Vision. Nel 2024 sarà su Sky e su Now. Quando parlo di qualità è questo che intendo, nei contenuti come nella tecnologia. E questo lo sanno anche gli appassionati di sport e calcio».

Sky mobile offerta – Lo sport resta centrale

Sul calcio, Duilio ha invece dichiarato: «È un altro esempio. L’accordo raggiunto è un salto di qualità, avremo oltre 30 dei 78 top match a stagione. In pratica, ogni sera e solo su Sky avremo una partita tra campionati, Champions League, Europa League e Conference League, che dal prossimo anno tornano in esclusiva su Sky. Anche qui, grazie a un importante investimento. Senza contare EURO 2024. Lo sport è e sarà sempre uno dei nostri punti di forza».

Sulla possibilità di aggiungere qualche sorpresa prossimamente: «In un momento davvero storico del tennis italiano abbiamo annunciato che dall’anno prossimo il grande tennis per 5 anni sarà tutto su Sky: Atp, Wta e Wimbledon. E questi andranno ad aggiungersi a Formula 1, Moto Gp, il basket dell’Nba, rugby, golf e tante altre discipline».

Nell’offerta targata Sky c’è anche l’emittente in chiaro Tv8: «Sta dando buoni risultati e ripagando gli investimenti. È un canale giovane dall’anima pop su cui puntiamo. Come ascolti è il canale che cresce di più tra le prime nove reti generaliste in questo 2023, grazie allo sport e a contenuti pensati ad hoc per il canale come il GialappaShow».

Infine, una battuta sul fronte economico, con Sky alla ricerca della marginalità: «In questi due anni abbiamo avviato un percorso di trasformazione di cui siamo molto soddisfatti. Avere alle spalle un investitore che ha una prospettiva di lungo periodo come Comcast non ti limita a inseguire solo la redditività a breve termine, visto l’interesse dimostrato e gli investimenti in Italia di questi anni. Ovviamente c’è ancora un po’ di strada da fare per tornare alla piena marginalità, anche per i grandi investimenti che abbiamo realizzato in questi anni. Il core business della tv è già in positivo. La stagione è iniziata bene, il tasso di abbandono è il più basso di sempre e l’indice di soddisfazione è in continua crescita. Indicatori per noi molto importanti, soprattutto in questo scenario macroeconomico ancora incerto».

Temi

Sky