Coppa Italia e Supercoppa, oggi si decide sulle offerte Rai-Mediaset

Rai e Mediaset sono le due emittenti in corsa per la competizione nel ciclo 2024-2027. Nella giornata di oggi la possibile fumata bianca: la Lega punta sulla nuova Supercoppa.

Geo-blocking decisione
(Foto: Andrea Staccioli/Insidefoto)

Dopo aver deciso sui diritti tv della Serie A, l’assemblea di Lega in programma oggi dovrà decidere a chi assegnare, fra Mediaset e Rai, la trasmissione di Coppa Italia e Supercoppa italiana a partire dalla stagione 2024/25 fino alla 2026/27. Nei giorni scorsi sono avvenute le trattative private con le due emittenti per arrivare alla chiusura del cerchio.

La soglia minima indicata dal bando per i diritti tv recitava 62 milioni di euro a stagione, cifra alla quale né la Rai né Mediaset si sono avvicinate al primo giro di offerte, ritenendola eccessiva rispetto ai 48 milioni a stagione dell’assegnazione precedente che scade con l’attuale stagione. L’obiettivo è quello di toccare almeno i 55 milioni di euro a stagione e chiudere in quella direzione. I due broadcaster sono chiamati a presentare le nuove offerte entro la mattina di oggi. I 20 club di Serie A decideranno, sempre nel corso della giornata odierna, quale sarà l’emittente vincitrice e se la Coppa Italia rimarrà per altri tre anni sulle emittenti Mediaset o se tornerà sulla Rai.

Diritti tv Coppa Italia cifre – Mediaset potrebbe giocare al rialzo

Oggi potrebbe quindi essere la giornata della fumata bianca. In Lega c’è ottimismo, del resto, soprattutto considerando che il bando mette a disposizione due partite in più rispetto al passato: le semifinali della Supercoppa italiana, organizzate sulla base del nuovo formato Final Four, che prenderà il via già in questa stagione.

Mediaset, da parte sua, potrebbe essere aperta a uno sforzo maggiore dopo aver visto sfumare la partita di Serie A in chiaro. Inoltre, non va dimenticato che – almeno al momento – la tv di Cologno Monzese non potrà più contare sulla partita di Champions League del martedì in chiaro a partire dalla prossima stagione calcistica, la cui scelta di trasmetterla o eventualmente rivenderla è nelle mani di Sky.