Juventus sentenza illegittima
(Foto: Andrea Staccioli / Insidefoto)

Titoli calcio Borsa 2022 – E’ stato un anno in chiaroscuro quello dei club calcistici in Borsa. L’andamento dei titoli delle società italiane e straniere è stato segnato da numerosi eventi e, seppur i cali drastici del 2020 con l’effetto della pandemia siano un ricordo lontano, le performance sono comunque state altalenanti e hanno seguito il corso degli eventi, soprattutto quelli più significativi.

Lo sa bene la Juventus, il cui titolo ha ceduto il 9,6% se guardiamo all’ultima chiusura del 30 dicembre, con la capitalizzazione – il valore totale delle azioni in circolazione sul mercato – scesa da 884 a appena sotto gli 800 milioni di euro. Guardando all’andamento durante l’anno si notano dei picchi verso l’alto verso febbraio e tra maggio e giugno, quando le cessioni di Milan e Chelsea hanno probabilmente influito sul valore del titolo portando la capitalizzazione di Borsa addirittura a oltre un miliardo.

Titolo che è crollato a settembre, quando la Juventus ha fatto registrare un rosso monstre per il bilancio chiuso al 30 giugno 2022 – dati poi rivisti successivamente alla luce delle indagini sui conti – e ancora in calo a novembre fino a toccare i minimi del 2016, quando l’inchiesta della Procura di Torino sui bianconeri è esplosa definitivamente portando alle dimissioni dell’intero CdA, tra cui il presidente Andrea Agnelli, che ha chiuso la sua era dopo oltre 12 anni.

CLUB GENNAIO DICEMBRE VARIAZIONE
Juventus 0,35 0,3162 -9,66%
Roma* 0,309 0,45 45,60%
Lazio 1,058 1,03 -2,60%

*delisting a settembre 2022

Discorso completamente diverso invece per la Roma, che la Borsa l’ha salutata dopo più di 20 anni, epoca in cui la famiglia Sensi optò per la quotazione. I Friedkin hanno portato a termine il delisting a settembre, arrivando a valutare le ultime azioni rimaste 0,45 euro l’una. Si tratta del 45% in più rispetto al valore di 0,309 euro della prima seduta nel mese di gennaio. Il delisting è costato alla proprietà americana quasi 26 milioni di euro nel complesso.  Infine, tra i club di Serie A quotati c’è la Lazio, che da inizio anno a dicembre ha perso il 2,6%, con la capitalizzazione di mercato scesa sotto i 70 milioni di euro.

Titoli calcio Borsa 2022 – Le performance all’estero

Guardando all’estero, la performance più interessante è invece quella del Manchester United: i Red Devils hanno guadagnato in un anno il 60%, spinti scelta della famiglia Glazer di aprire a una vendita del club. Attualmente, la capitalizzazione di Borsa del club è pari a oltre 3,7 miliardi di dollari.

Ma anche al netto del Manchester United, la situazione per il 2022 resta variegata per le società quotate. Tra le altre, girano in positivo il Lione (+45%), l’Ajax (+25%), il Porto (+14) e il Celtic (+8% circa), mentre fanno registrare un’annata negativa le altre due portoghesi – Sporting e Benfica, rispettivamente a -11 e -14% – e Borussia Dortmund, che chiude il 2022 con un -13%.

CLUB GENNAIO DICEMBRE VARIAZIONE
Manchester United 14,26 23 61%
Borussia Dortmund 4,29 3,7 -13,80%
Ajax 14,7 10,9 25,85%
Porto 0,77 0,88 14,29%
Celtic 102,5 111,5 8,78%
Benfica 4,61 3,93 -14,75%
Sporting 0,89 0,79 -11,24%
Lione 2,04 2,97 45,59%

TUTTA LA SERIE A TIM, LA UEFA EUROPALEAGUE, LA SERIE BKT E MOLTO ALTRO SPORT. RIATTIVA DAZN, SCOPRI TUTTE LE OFFERTE

PrecedenteE Blankfein bloccò Cardinale dal comprare il Liverpool
SuccessivoMilan-RedBird, il caso Juve e Messi campione: il 2022 del calcio