Switch off digitale terrestre cosa cambia
(Image credit: Depositphotos)

Switch off digitale terrestre cosa cambia – Si avvicina la data dello switch off sul digitale terrestre. Quella di oggi – martedì 20 dicembre 2022 – sarà l’ultima giornata di trasmissioni con la codifica MPEG-2. A partire da mercoledì 21 dicembre si passerà definitivamente alla più moderna codifica MPEG-4. Molti canali nazionali avevano già fatto il cambio lo scorso 8 marzo, data ufficiale dello switch-off dell’MPEG-2, che è rimasto in uso in questi mesi “in deroga” per dare modo a consumatori ed emittenti di adeguarsi al nuovo regime.

Ora, il tempo è scaduto, e il passaggio alla codifica MPEG-4 non si potrà più rinviare. Va ricordato che non ci sarà nessun passaggio generalizzato all’HD. Semplicemente, le maggiori emittenti nazionali avevano fatto combaciare il cambio di codifica con il passaggio all’alta definizione, ma diverse TV locali e canali secondari dei grandi network continueranno a trasmettere ancora in SD.

L’effetto dello switch-off dell’MPEG-2 di questi giorni sarà in ogni caso più radicale rispetto a quello dell’8 marzo: chi fino ad oggi ha comunque potuto vedere ancora dei canali TV con il suo dispositivo non più aggiornato, proprio in virtù della trasmissione in deroga di questi mesi, dal 21 dicembre non riceverà più nulla.

Per chi è già in possesso di apparecchi in grado di visualizzare trasmissioni in MPEG-4 (ad esempio Rai 4, Rai 5, etc.) su digitale terrestre non cambia nulla: al più occorrerà effettuare una risintonizzazione dei canali per tornare a vedere i propri programmi preferiti. Per chi invece non riusciva a ricevere questi canali, ma si appoggiava comunque alle versioni MPEG-2 in definizione standard, è giunta l’ora di cambiare TV o acquistare un nuovo decoder.

Switch off digitale terrestre cosa cambia – Scoprire se il tv è compatibile

Ma come è possibile scoprire se il televisore è compatibile con i nuovi standard o se va cambiato? Per chi negli ultimi mesi è riuscito a vedere i canali Rai e Mediaset sui numeri 101…199 e/o 501…599 e non sui primi canali del telecomando (1, 4, 6, ecc., perché lo schermo rimaneva nero) è quasi certo che decoder o televisore in questione siano troppo vecchi e supportino l’MPEG-2 e non l’MPEG-4.

Per avere conferma è possibile rifare la sintonizzazione automatica dei canali, utile anche per aggiornare la lista quando uno o più multiplex cambiano frequenza e composizione. Terminata la sintonizzazione bisogna provare a fare zapping su tutti i canali memorizzati a partire dal numero 1 per cercare Rai 1 HD (tasto 1 del telecomando), Canale 5 (tasto 5), TV8 HD (8) e Nove (9). Se lo schermo rimane nero oppure appare un messaggio del tipo “Canali MPEG-4 non supportati” oppure “HD non supportato” significa che l’apparecchio è ormai obsoleto. Per continuare a vedere i canali del digitale terrestre bisognerà cambiarlo scegliendo tra un nuovo televisore o un nuovo decoder esterno, entrambi sicuramente compatibili.

Image creditDepositphotos

SCOPRI L’OFFERTA SKYGLASS A 11,90 EURO AL MESE E ANTICIPO DI SOLO 1 EURO. SKYGLASS, MOLTO PIU’ DI UNA TV

PrecedenteFIFA, obiettivo 2 mld di ricavi dal nuovo Mondiale per Club
SuccessivoAdidas mette in vendita la maglia Albiceleste con la terza stella