Serie A dubbi tasse sospese
Il pallone della Serie A (Photo Nicolò Campo / Insidefoto)

Sull’emendamento al dl Aiuti quater che salva le società sportive c’è la contrarietà del Ministero dell’economia e delle finanze. Lo riporta l’ANSA, citando fonti del ministero.

L’emendamento bipartisan proposto, firmato da Dario Damiani (Forza Italia), Matteo Gelmetti (FdI), Mario Borghese (Misto), Daniele Manca (Pd), Pietro Patton (Autonomie) e Stefano Patuanelli (M5s) ma spinto dal patron della Lazio e senatore Claudio Lotito, andava a intervenire sul tema dei versamenti tributari e contributivi, ad oggi sospesi fino al 22 dicembre.

L’emendamento chiedeva di modificare l’attuale norma con il testo con cui i versamenti “possono essere effettuati, senza applicazione di sanzioni economiche, penali e sportive e interessi, mediante rateizzazione fino a un massimo di 60 rate mensili di pari importo con il versamento delle prime tre rate entro il 22 dicembre 2022”. Aggiungendo, inoltre, il comma 1-bis per cui “nelle more della conversione in legge del presente decreto non si applicano le sanzioni economiche, penali e sportive”.

In sostanza, quindi, l’emendamento dava la possibilità ai club di chiedere la rateizzazione fino a 60 rate mensili del debito per i versamenti fiscali, senza il pagamento di sanzioni e interessi e senza nemmeno l’intervento di sanzioni penali e sportive.

PORTA IL CINEMA A CASA TUA CON L’OFFERTA SKY SMART: TUTTO IL CINEMA DI SKY A SOLI 19,90 EURO AL MESE PER 18 MESI. CLICCA QUI E SCOPRI L’OFFERTA.

PrecedenteAbodi: «Ok a estensione diritti tv a 5 anni ma niente proroghe»
SuccessivoPortogallo Svizzera in streaming gratis: guarda il match in diretta