Juventus rettifiche bilanci Procura
Andrea Agnelli (foto: Getty Images)

Non solo la Consob. Anche la Procura della Repubblica di Torino ha mosso delle contestazioni nei confronti della Juventus con riguardo ai bilanci 2018/19, 2019/20 e 2020/21. Da parte della Procura, le considerazioni sono sempre legate alle cosiddette “operazioni incrociate” e alle “manovre stipendi”, con riferimento alla prima e alla seconda manovra.

In particolare, la Procura ha censurato per i tre bilanci presi in esame «l’appostazione» di alcuni importi, «al conto economico, alla voce “Proventi da gestione diritti calciatori”, a titolo di “Plusvalenze da cessione diritti calciatori”». Si tratta di 49,728 milioni per il bilancio 2019, di 78,058 milioni per il bilancio 2020 e di 28,357 milioni per il bilancio 2021.

Per quanto riguarda invece la prima manovra stipendi, secondo la Procura manca nel conto economico del bilancio 2020, «alla voce “Personale tesserato”, l’importo di euro 62,285 milioni», con riferimento alle tre mensilità che sarebbero state successivamente recuperate dai calciatori e che quindi – secondo la Procura – sarebbero di competenza dell’esercizio 2019/20.

Infine, la seconda manovra stipendi. Nel bilancio 2021 manca per la Procura «alla voce “Personale tesserato”, l’importo di euro 27,534 milioni, risultante dall’omessa indicazione nella voce “Personale tesserato” dell’intero importo degli Accordi di Riduzione 2020/2021 (pari circa a euro 60 milioni), dedotte le integrazioni di circa 32 milioni previste per la stagione 2020/2021 negli Accordi di Integrazione di cui alla Prima Manovra che, come sopra illustrato in relazione alla Prima Manovra, la Procura della Repubblica ritiene integralmente di competenza dell’esercizio precedente».

Sulla base di queste considerazioni, i risultati netti e il patrimonio netto degli esercizi 2019, 2020 e 2021 sono stati rivisti come di seguito:

Riepilogo Bilancio 2019 Bilancio 2020 Bilancio 2021
Risultato esercizio storico -39,896 -89,682 -209,514
Rettifiche al risultato d’esercizio -44,610 -147,050 -12,963
Risultato d’esercizio rettificato 84,506 -236,732 -222,477
Patrimonio netto storico 31,243 239,205 28,827
Rettifiche al patrimonio netto -44,610 -191,660 -204,623
Rettifiche per arrotondamenti -1 5
Patrimonio netto rettificato -13,367 47,544 -175,791

Cifre in milioni di euro

Dunque, sulla base di queste indicazioni crescono le perdite della Juventus nel 2019 e nel 2020, mentre si riducono quelle del 2021. Curioso notare come dalla Juventus, dalla Consob e dalla Procura emergano tre risultati differenti.

L’organo di controllo del mercato finanziario italiano aveva infatti anch’esso richiesto che la Juventus riscrivesse i bilanci 2020 e 2021 pro-forma (la Juve lo ha fatto poi autonomamente per il 2022), riportando comunque risultati differenti rispetto a quelli indicati dalla Procura di Torino sulla base delle sue considerazioni. Il club bianconero, da parte sua, ha presentato delle controdeduzioni a quanto contestato dalla Consob, sulla base di una difesa che riguarda tutti e tre i punti, dalle “operazioni incrociate” alle “manovre stipendi”.

SKYGLASS A 11,90 EURO AL MESE CON 3 MESI DI SKY E NETFLIX INCLUSI. SCOPRI L’OFFERTA: SKYGLASS, MOLTO PIU’ DI UNA TV

PrecedenteArgentina ko, l’Italia mantiene il record di imbattibilità
SuccessivoMessico Polonia in streaming gratis: guarda la partita in diretta