Silvio Berlusconi in tribuna a Monza (Photo Buzzi / Imago / Insidefoto )

Il tribunale di Roma ha assolto Silvio Berlusconi (numero uno di Forza Italia e patron del Monza) in uno dei filoni della maxindagine Ruby Ter perché il fatto non sussiste. I giudici hanno fatto cadere le accuse anche per il cantante Mariano Apicella. I due erano accusati di corruzione in relazione alla falsa testimonianza del cantante napoletano in merito alle feste organizzate ad Arcore.

La richiesta dei Pm era quella di una assoluzione con la formula “perché il fatto non sussiste”. Nella requisitoria il pm Roberto Felici ha affermato che “la circostanza rilevante” è legata alle “date dei versamenti, 2012, ma ho potuto verificare, anche consultando le consulenze, che i pagamenti risalgono di gran lunga a prima quindi è difficile immaginare che siano dovuti alla presunta falsa testimonianza. Tra Berlusconi e Apicella c’era un rapporto amichevole di lunga data”.

“Sono contento e soddisfatto. Apprezzo anche che lo stesso pubblico ministero abbia chiesto l’assoluzione”. Così Silvio Berlusconi ha commentato parlando al telefono con i suoi difensori la sentenza di assoluzione nel filone romano del processo Ruby Ter. “Gli elementi avanzati dalla difesa – ha sottolineato – hanno chiarito oltre ogni ragionevole dubbio l’assenza di elementi di opacità in questa vicenda”.

SCOPRI IL BLACK FRIDAY DI SKY: SKY TV + SKY SPORT A SOLI 30,90 EURO AL MESE PER 18 MESI. IN OMAGGIO UNA XBOX SERIE S DEL VALORE DI 299 EURO CLICCA QUI E SCOPRI L’OFFERTA.

PrecedenteInter-Milan, in vendita i biglietti per abbonati al secondo blu
SuccessivoAnche Stone Island ai Mondiali: il brand ai piedi di Sterling e Saka