(Photo by Francois Nel/Getty Images)

Il Campionato del Mondo di calcio che si giocherà in Qatar sta ormai per iniziare e continua a fare notizia la drammatica situazione dei tantissimi lavoratori migranti che vivono e prestano la loro manodopera nel Paese.

Il calcio, questa volta, sembra davvero non voler chiudere gli occhi. È vero, si dice sempre che lo spettacolo deve continuare qualunque cosa accada, ma farlo almeno ponendosi delle domande e cercando attivamente di trovare soluzioni ai problemi è doveroso.

Così, la Federcalcio danese ha preso una decisione: donerà 10 corone (che equivalgono a poco più di un euro) ai lavoratori migranti in Qatar per ogni gol realizzato nel mese di novembre in Danimarca nelle partite di calcio professionistico e non professionistico sia maschili sia femminili.

Lo scorso anno furono segnate circa 55.000 reti.

Il denaro sarà inviato a The Building and Worker’s International, il sindacato dei lavoratori del settore edile, con l’accordo che la donazione andrà direttamente a contribuire al miglioramento delle condizioni dei tanti operai che hanno lavorato nell’organizzazione della Coppa del Mondo.

“Non vediamo l’ora che arrivi il Mondiale – si legge nella dichiarazione della Federcalcio danese – e di supportare la nostra squadra. Tuttavia siamo ancora scettici riguardo le riprovevoli violazioni dei diritti che hanno subito alcuni lavoratori in Qatar, pertanto a nome di tutto il calcio danese vorremmo contribuire con fondi ai lavoratori migranti in modo che più persone possano avere condizioni migliori in futuro”.

TUTTA LA SERIE A TIM È SOLO SU DAZN: 7 PARTITE IN ESCLUSIVA E 3 IN CO-ESCLUSIVA A GIORNATA. ATTIVA ORA. DISDICI QUANDO VUOI

 

 

PrecedenteDerby di Roma da record: incasso più alto di sempre
SuccessivoRoma, quanto vale accedere agli ottavi di Europa League