DAZN doppia visione sconto
(Foto: MARCO BERTORELLO/AFP via Getty Images)

Condizioni recesso DAZN – In questi giorni la piattaforma di sport in streaming DAZN ha comunicato un aggiornamento delle condizioni di recesso dal servizio, spiegando ai clienti che le novità in questione saranno introdotte a partire dal prossimo 30 ottobre 2022. Una piccola, ma significativa novità destinata ad avere inevitabilmente un impatto sull’utenza.

In particolare, DAZN ha spiegato che «verrà apportata una modifica all’ art. 5. delle Condizioni di Utilizzo e all’art. 6 della Carta dei Servizi, […] riguardante il recesso dall’abbonamento che si perfezionerà 30 giorni dopo la richiesta effettuata tramite login alla pagina “Il mio Account”».

«Potrai utilizzare il servizio fino all’ultimo dei trenta giorni successivi alla richiesta. Ti verrà addebitato l’importo del canone di abbonamento relativo al periodo fino alla scadenza del predetto termine (trentesimo giorno) da cui verranno decurtati i giorni già corrisposti con il precedente addebito», ha sottolineato la piattaforma in una nota.

Condizioni recesso DAZN – Come funzionano le condizioni aggiornate

Ma cosa comporta esattamente questa novità? In sostanza, il servizio rimarrà attivo dal momento della disiscrizione fino allo scadere dei 30 giorni e all’utente verrà addebitato un prorata a copertura dei giorni di fruizione del servizio che intercorrono tra la data in cui solitamente l’utente paga l’abbonamento e la differenza dei 30 giorni scattati a partire dalla disiscrizione stessa.

Per fare un esempio, con il sistema attuale (ricordiamo che le modifiche saranno attive dal 30 ottobre) quando l’utente disdice il servizio ha diritto a usufruirne fino al termine della mensilità già pagata, a prescindere dal giorno della disdetta. Se dunque un utente che si è abbonato per ipotesi il 25 settembre facesse disdetta oggi (mercoledì 5 ottobre), avrebbe diritto a usufruire del servizio DAZN fino al prossimo 25 ottobre, dopodiché la sua sottoscrizione sarebbe disattivata.

Con le nuove condizioni – e ipotizzando sempre il 25 settembre come data di partenza della mensilità pagata –, facendo disdetta il 5 ottobre il servizio verrebbe disattivato non più al termine del mese già pagato, il 25 ottobre, ma esattamente dopo 30 giorni dalla richiesta di interruzione del servizio: il 5 novembre.

L’utente a questo punto sarebbe coperto dal pagamento già effettuato fino al 25 ottobre e dovrebbe versare un prorata (una quota parametrata alle giornate in eccesso) per i giorni di utilizzo del servizio fino al 5 novembre. Una situazione che, a un primo sguardo, lascia presupporre solamente un aumento dei costi per chi decidesse di recedere dall’abbonamento. In particolare, più ci si avvicina alla data di scadenza della mensilità già pagata, più “costa” la disiscrizione perché aumentano i giorni non coperti.

Condizioni recesso DAZN – Come sfruttare le condizioni

Tuttavia, gli abbonati più accorti possono cercare di sfruttare questa novità a loro favore. In che modo? Utilizzando il prorata per “allungare” l’abbonamento qualora ci fossero partite oltre i 30 giorni già pagati, ma senza pagare una nuova mensilità intera. Per tornare all’esempio di prima, se fino ad ora l’abbonato aveva una partita il 27 ottobre con l’abbonamento che si rinnovava il 25 ottobre, con le attuali condizioni per vedere la partita del 27 ottobre avrebbe dovuto pagare un’altra mensilità intera.

Al contrario, con le nuove condizioni l’utente più attento manderà disdetta ad esempio il 28 settembre. In questo modo pagherà la mensilità completa fino al 25 ottobre, e poi fino al 28 il servizio di DAZN resterà comunque attivo pagando solo il prorata finale. In questo caso la partita del 27 ottobre verrebbe tranquillamente vista pagando solo il prorata finale, quindi senza pagare a vuoto un’altra mensilità.

Ovviamente è necessario fare bene i conti per sfruttare le nuove regole – che si applicano solamente alle disdette – a proprio vantaggio. La soluzione può tornare utile, ad esempio, per chi decidesse di disdire l’abbonamento in concomitanza con l’inizio dei Mondiali dato che le maggiori competizioni nazionali e internazionali per club saranno ferme. Resta salva in questo caso anche la possibilità di mettere l’abbonamento in pausa, senza necessità di disdire.

TUTTA LA SERIE A TIM È SOLO SU DAZN: 7 PARTITE IN ESCLUSIVA E 3 IN CO-ESCLUSIVA A GIORNATA. ATTIVA ORA. DISDICI QUANDO VUOI

PrecedenteChampions, quasi 5 mln di spettatori per Inter-Barça in chiaro
SuccessivoCalvarese a CF: «La verità su Dumfries? Il VAR non aveva immagini chiare»